"La mia vita non è il tuo porno": quando gli spioni filmano sotto le gonne

24 Giugno 2018
Author :  

Lo scorso 9 giugno più di 20.000 persone si sono mobilitate per le strade di Seoul per protestare contro la prassi di spiare sotto le gonne e nei luoghi pubblici con microcamere. In metropolitana, nei bagni pubblici, in strada: nella Corea del Sud, si starebbe assistendo ad una vera e propria esplosione del fenomeno di donne videoriprese di nascosto usando minuscole telecamere spia prima di finire su siti pornografici. Da diversi anni questa pratica, chiamata "molka" in Asia, è un vero problema nel Paese. Le foto pubblicate sui social network mostrano le porte dei bagni pubblici crivellate di buchi o di uomini che nascondono telecamere in una borsa o nei loro indumenti. Secondo Buzzfeed News, alcune donne avrebbero persino iniziato a coprire i loro volti come precauzione, nel caso in cui le immagini riprese senza la loro conoscenza sarebbero state pubblicate su Internet. "Non sono solo foto di sesso, ci sono video di donne che fanno pipì in bagno, foto di donne in bikini, a casa, che camminano per strada", ha detto Chang Dahye, ricercatore presso l'Istituto coreano di criminologia presso Korean Exposé . Secondo i dati forniti dall'Agenzia nazionale della Corea di Sorveglianza, nel 2014, quasi 18 casi di "molka" sono stati scoperti quotidianamente. Le vittime sarebbero per lo più donne. Per quanto riguarda gli autori, se scoperti, tutt'alpiù vengono condannati a una multa. L'evento del 9 giugno è stato il più grande evento femminile nella storia del paese. E lo scorso maggio, erano già 12.000 a sfilare per le strade. Questa ondata di proteste è stata scatenata dall'arresto di una donna che ha filmato e trasmesso l'immagine di un uomo che posa nudo per un corso d'arte alla Hongik University di Seoul. A differenza degli autori della "molka", questa donna è stata prontamente consegnata alla giustizia, e l'uomo vittima di questo caso è stato ascoltato dalla polizia. Il collettivo anonimo "Il Coraggio di essere scomodo", all'origine dell'immensa marcia del 9 giugno, ha spiegato in un comunicato stampa che il trattamento della vittima dell'Università Hongik ha perfettamente illustrato i problemi affrontati dal vittime di "molka": "Il modo in cui il pubblico reagisce a una vittima maschio o femmina è molto diverso. Mentre un video contro un uomo viene considerato un crimine, la ripresa di una donna viene considerata al massimo un porno. Purtroppo, rileva "Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, il fenomeno, noto anche come upskirt, è ormai globale e merita la massima attenzione da parte dell'Autorità Giudiziaria che dovrebbe perseguire questi vigliacchi pseudocriminali non solo per la violazione della privacy delle donne che ne sono vittima che costituisce un'autonoma fattispecie di reato, ma anche per la sussistenza degli estremi di quello noto come "interferenze illecite nelle vita privata". E' ormai certo che gli organi di Polizia Giudiziaria, a partire dalla Polizia Postale, abbiano gli strumenti e le conoscenze tecniche per scoprire prontamente gli autori di questi cosiddetti reati "morbosi" ed assicurarli prontamente alla Giustizia.

862 Views
La Redazione

AdMedia

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

 

GruppoIdPublicWhiteCompletoGimp