Pensioni, Gentiloni: 'Proposte in 7 punti, costo 300 milioni'. Verso ok a 46mila domande Ape sociale-precoci

14 Novembre 2017 Author :  

Il Governo ha proposto ai sindacati un intervento sulla previdenza in "sette punti" per un costo complessivo di 300 milioni. Lo avrebbe detto il premier, secondo quanto riferito da partecipanti alla riunione a Palazzo Chigi. Sarebbero riutilizzati nel sistema previdenziale le risorse non spese per l'Ape sociale e l'anticipo pensionistico per i lavoratori precoci.

Tra le misure ci sono l'esenzione dall'aumento a 67 anni per 15 categorie di lavori gravosi e la revisione del meccanismo di calcolo per l'adeguamento dell'età alla speranza di vita.

"Credo che sia stato fatto un buon lavoro, nelle condizioni date il Governo mette in campo un impegno finanziario importante. Ci sono le condizioni per dare un messaggio positivo al Paese, mi auguro che si possano concretizzare": è quanto ha detto, secondo quanto si apprende da fonti presenti all'incontro, Gentiloni.

A valutare ancora negativamente le proposte dell'Esecutivo la segretario generale della Cgil, Susanna Camusso: sull'aspettativa di vita le proposte e la platea degli esentati da quota 67 avanzate dal governo "sono insufficienti - ha detto al termine della riunione -. Le distanze sono ancora molto significative e le proposte fatte oggi non delineano una facile soluzione". "Abbiamo un incontro sabato, il tempo tra qui e quell'incontro il governo dovrebbe impegnarlo per definire una risposta a tutti i punti della nostra piattaforma"

"Ci siamo aggiornati a sabato. Abbiamo chiesto al governo di scrivere le proposte: alcune sono molto buone rispetto al giudizio della mia organizzazione e coerenti, altre vanno corrette e precisate meglio, altre mancano". Così la segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan. La cosa che per noi ha più significato emersa dal governo, ha detto, è che "alle 15 categorie" da esentare da quota 67, "se ne potranno aggiungere, dopo il lavoro della commissione, altre" a cui bloccare l'adeguamento dell'età pensionabile all'aspettativa di vita.

Secondo il segretario generale della Uil, Carmelo Barbagallo, "bisogna fare in modo che questa settimana maturino le risposte che abbiamo considerato un po' insufficienti". Il sindacalista ha ribadito la richiesta del sindacato di "allargare la platea" dei lavori gravosi da escludere dall'aumento dell'età pensionabile a 67 anni nel 2019. Bisogna fare sì, ha detto ancora, che le risorse risparmiate non scompaiano tra le pieghe del bilancio e restino nella previdenza.

Verso ok a 46mila domande Ape sociale-precoci - Con il riesame delle domande per l'accesso all'Ape sociale e alla pensione anticipata per i precoci potrebbero essere accettate nel complesso oltre 46.000 domande a fronte delle 66.000 arrivate e delle 60.000 previste. Questo emerge da stime Inps riferite da partecipanti all'incontro Governo-sindacati. In pratica dopo i nuovi indirizzi del Ministero del Lavoro potrebbero essere accettate circa 26.500 domande per l'Ape sociale (su 39.777 arrivate, il 75% delle 35.000 previste) e 20.000 per i lavoratori precoci (su 26.632 arrivate, l'80% delle 25.000 previste).

In prima battuta erano state rigettate dall'Inps due domande su tre delle arrivate per l'Ape sociale, e il 70% di quelle arrivate per lavoro precoce (nel complesso era stato detto no a 44.000 richieste su 66.000). Grazie a nuovi indirizzi messi a punto dal ministero del Lavoro (tra le quali la possibilità che ci siano periodi di rioccupazione non superiori a sei mesi senza interrompere lo stato di disoccupazione) le percentuali si sono ribaltate.

 

 

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

 

GruppoIdPublicWhiteCompletoGimp