Scafati in movimento: "Manifesti selvaggi anche davanti alla caserma e al comune: ecco i protagonisti..."

10 Febbraio 2018 Author :  

"Abusivismo e illegalità già regnano in questo inizio di campagna elettorale" a denunciarlo è l'associazione Scafati in movimento. La battaglia inizia di nuovo: "La commissione, le forze dell'ordine dove sono? I carabinieri notano cosa accade ad un palmo dalle loro mura? La battaglia contro l'affissione abusiva e selvaggia è stata sempre una di quelle che abbiamo portato avanti: ci aspettavamo che con l'insediamento della Commissione Straordinaria le cose a Scafati cambiassero, purtroppo ci dobbiamo ricredere. Una pratica illegale che umilia e offende, senza alcun rispetto, la comunità scafatese. Nonostante la legge parli chiaro, sia all’interno del comune di Scafati che nei territori limitrofi, abbiamo assistito al proliferare di manifesti elettorali negli spazi dedicati ad altro, cosa ancor più grave, in spazi non assegnati per la propria propaganda, raffiguranti soprattutto alcuni personaggi politici. Ad inaugurare il festival del manifesto selvaggio è il centro-destra che vede candidato all'uninominale un colonnello dei carabinieri. Il caso più eclatante si è verificato in Via Oberdan, proprio di fronte la Tenenza dei carabinieri dove "grazie" ai candidati del centro-destra ci siamo ritrovati tappezzati tutti gli stalli in modo abusivo. Il paradosso è che il candidato uninominale Cirielli, colonnello dei carabinieri, sarà indirettamente beneficiario di un modus operandi di candidati che la legalità la calpestano per di più, impunemente, dinanzi ad una Tenenza , un luogo che per lo stesso Cirielli dovrebbe essere la sua casa, un posto a cui dare il massimo del rispetto, la sua "chiesa" - si legge nella nota di associazione Scafati in movimento - Ci chiediamo: il colonnello Cirielli, in quanto beneficiario diretto dei voti di questi candidati "abusivi" (anche se non compare direttamente sui manifesti), cosa ne pensa di come si agisce a Scafati? Provvederà ad ammonire chi non rispetta la legge? Oppure, ai fini del voto "il tutto fa brodo" e dunque anche l'illegalità? Lo stesso abuso è avvenuto in tutta la città anche nei pressi del comune. E' paradossale che, i luoghi dove dovrebbe esserci maggior controllo, sono stati presi di mira senza alcun riguardo. Chiediamo al comandate della polizia locale, Giovanni Forgione, di intervenire in tempi celeri affinché sia ristabilita la legalità, motivo fondamentale per cui la Commissione ed anche lui sono giunti a Scafati. Grazie alle nostre denunce, speriamo che la situazione rientri nei margini di tollerabilità e legalità, ancora molta strada deve essere percorsa affinché si giunga ad un completo rispetto delle leggi vigenti in materia di campagna elettorale. Noi continueremo, pertanto, a segnalare le violazioni che riscontreremo da qui al giorno in cui saremo chiamati alle urne, invitiamo tutta la cittadinanza a fare altrettanto in modo da non far passare l’idea che i cittadini rimangono indifferenti di fronte agli abusi perpetrati da soggetti che si candidano a rappresentarli".

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

 

GruppoIdPublicWhiteCompletoGimp