Roccapiemonte. Inchiesta Aias di Avellino: spunta la telefonata tra De Mita e il giudice Pagano

20 Gennaio 2018 Author :  

Inchiesta Aias di Avellino: nei prossimi giorni che la lista delle convocazioni di Procura e Guardia di Finanza si potrebbe arricchire di una nuova convocazione. I magistrati infatti sono pronti a convocare a Palazzo di Giustizia il giudice Mario Pagano, il giudice civile di Salerno arrestato il mese scorso per corruzione, con l'accusa di aver pilotato sentenze civili, tributarie e del lavoro per favorire imprenditori ai quali era legato da consolidati rapporti di amicizia, trattando cause riferibili a tali amici con esito favorevole per questi ultimi. Una convocazione inevitabile, visto che lo stesso D'Onofrio e il Procuratore della Repubblica di Avellino Rosario Cantelmo qualche giorno fa hanno firmato una richiesta di atti dell'intercettazione avvenuta tra il magistrato finito agli arresti e il sindaco di Nusco Ciriaco De Mita. a quella di Napoli gli atti relativi alla telefonata tra il giudice Mario Pagano e l'attuale sindaco di Nusco ed ex leader Dc Ciriaco De Mita, contenuta nell'ordinanza che ha portato il magistrato salernitano ai domiciliari. Una richiesta firmata dal Procuratore della Repubblica Rosario Cantelmo e dall'Aggiunto Vincenzo D'Onofrio e indirizzata ai magistrati del pool guidato da Alfonso D'Avino, che si è occupato dell'indagine sul presunto scambio di favori intorno a verdetti da parte del magistrato finito in arresto. A riportare la notizia è il Quotidiano del Sud. Quella avvenuta alle 15,32 del 20 febbraio 2016 quando De Mita chiama Mario Pagano: «puoi ricevere un mio amico che ti deve chiedere una cortesia semplice?», chiede il sindaco di Nusco. «Sì, come no», risponde il giudice. «Viene domani a mezzogiorno a casa tua», dice De Mita che prosegue: «si chiama G. A., la faccia non è molto raccomandabile ma te lo garantisco io». «Ciao ci rivediamo presto... Un abbraccio... Ciao Ciriaco», saluta Pagano. L'accertamento riguarda l'identità di Gerardo Bigotta in questione. Il sospetto da parte dei magistrati e dei militari delle Fiamme Gialle di Avellino agli ordini del colonnello Gennaro Ottaiano è che il Bigotta in questione possa essere Gerardo Bilotta, ex presidente dell'Aias e indagato dalla Procura per una serie di reati che vanno dall'associazione a delinquere per l'emissione di false fatturazioni fino al riciclaggio per una serie di bonifici anomali finiti nel mirino della Procura di Avellino e dei militari delle Fiamme Gialle. E' probabile che, dopo l'arrivo degli atti da Napoli che parta presto la convocazione per il magistrato, che si trova in regime di arresti domiciliari. Le indagini vanno avanti, dunque, solo qualche giorno fa il procuratore aggiunto Vincenzo D'Onofrio ha firmato infatti una richiesta di proroga delle indagini preliminari nei confronti di nove dei dieci indagati per una serie di ipotesi di reato contestate a vario titolo che vanno da i reati di associazione a delinquere, quella legata ai reati di evasione delle imposte e al riciclaggio dei proventi e dei delitti contro la Pubblica amministrazione (contestate solo ai Preziuso e a Gerardo Bilotta) ; false fatturazioni per operazioni inesistenti; truffa per ottenere l'erogazione di fondi pubblici e abuso d'ufficio in concorso e truffa per la vicenda relativa alle somme ottenute da parte della Regione Campania all'Aias di Avellino, sul fronte accreditamento.

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

 

GruppoIdPublicWhiteCompletoGimp