Stampa questa pagina

Salerno e Irno nel mirino: 42 indagati per falsi titoli da bidello

09 Gennaio 2019 Author :  

Titoli falsi per essere inseriti nelle graduatorie per bidelli o collaboratori amministrativi nelle scuole di tutta Italia: dopo i licenziamenti delle scorse settimane, la Procura di Nocera Inferiore ha chiesto una proroga per l’inchiesta che vede indagate 42 persone in concorso per falsità materiale commessa da privato e da pubblico ufficiale. Tra gli indagati figurava anche l’assessore all’ambiente a Castel San Giorgio, Giovanni De Caro. Per alcuni lavoratori della scuola, come già detto, sono scattati i primi provvedimenti, un bidello è stato licenziato.

Il periodo finito sotto la lente d’ingrandimento della procura risale al 2015. Al setaccio, con richieste anche di nuovi interrogatori verso alcuni degli indagati, sono finiti degli attestati che sarebbero stati falsificati per lavorare nei centri scolastici o in altri istituti della zona. Da tempo, quasi in parallelo, la procura di Napoli conduce a sua volta due inchieste molti simili. La prima su falsi titoli di sostegno, che toccherebbe anche docenti residenti nel salernitano. Ed un’altra su falsi diplomi per entrare a far parte delle graduatorie dei bidelli.

Articoli correlati (da tag)