Nocera: scuole Tasso e Vico in scarse condizioni di sicurezza, Cirielli porta il caso in Parlamento

09 Ottobre 2018 Author :  
Condizioni di scarsa sicurezza nelle scuole, monito e interrogazione dell'Onorevole Edmondo Cirielli al Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca, al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti. “Da fonti giornalistiche si apprende che nelle scorse settimane le presidi del liceo classico Tasso di Salerno e del liceo Vico di Nocera Inferiore hanno protestato per le precarie condizioni in cui versano gli edifici scolastici e per la mancata emissione dei certificati di agibilità delle scuole da parte della provincia –- spiega Cirielli A seguito delle lamentele, l'ufficio edilizia scolastica della provincia di Salerno ha promesso di inoltrare ad almeno 120 presidi di scuole superiori salernitane un attestato di staticità. L'attestato di staticità, però, è cosa ben diversa rispetto a quello di agibilità: la staticità certifica che, da un esame a vista, l'immobile scolastico risulta idoneo dal punto di vista «statico» per carichi verticali e in assenza di evento sismico; l'agibilità invece attesta la conformità degli impianti elettrici con certificato antincendio e adeguamento antisismico. Ad oggi, su 140 scuole superiori solamente 20 possiedono un certificato di agibilità. Nnnostante tale situazione fosse già stata denunciata numerose volte, le problematiche suddette non sono state correttamente gestite da parte dei responsabili. Ed infatti, ad esempio, malgrado la preside del liceo Tasso di Salerno avesse denunciato la mancata manutenzione per il rischio del crollo di una facciata nel cortile interno, l'umidità di alcune aule e l'assenza di impianto elettrico conforme, la situazione a quanto consta all'interrogante non è stata affatto considerata da parte della provincia. Da organi di stampa si apprende che il presidente De Luca ha giustificato l'accaduto imputandolo a «qualche funzionario», aggiungendo solamente che «qualcuno si era dimenticato o impapocchiato». Pertanto, le attività didattiche, per i 161 mila studenti salernitani, si svolgono in edifici pericolanti e quindi non agibili; quanto sta emergendo nel salernitano, alla vigilia dell'apertura del nuovo anno scolastico, preoccupando studenti e genitori, non è altro che uno degli esempi di quanto sta accadendo nelle province italiane a causa della riforma degli enti locali effettuata con la legge n. 56 del 2014 (legge «Delrio») che ha stabilito riduzioni di spesa per le province, nonostante sia stata mantenuta tra le funzioni la gestione delle scuole superiori. Il presidente dell'Unione province d'Italia, infatti, denuncia che, negli ultimi tre anni, di tutti i fondi stanziati per la messa in sicurezza delle scuole solamente il 14 per cento è stato destinato alle scuole superiori – si legge nell'interrogazione a firma di Cirielli - Pertanto, con i tagli alle province, il 30 per cento della popolazione scolastica italiana è stato penalizzato; a parere dell'interrogante il binomio «province senza soldi-scuole senza sicurezza» denota una situazione allarmante che non può più passare inosservata da parte delle istituzioni”. Cirielli quindi chiede se i Ministri interrogati “siano a conoscenza dei fatti esposti e, considerata la gravità degli stessi, quali iniziative urgenti intendano adottare, per quanto di competenza, per verificare lo stato in cui versano le scuole superiori del salernitano, nonché per accertare la reale destinazione dei fondi alle scuole superiori. Se non ritengano sia necessario adottare iniziative per uno stanziamento straordinario finalizzato alla manutenzione delle stesse”.

AdMedia

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2