Sarno. Prt, altra vittoria contro il Comune

04 Giugno 2020 Author :  

di Danilo Ruggiero

La PRT resterà aperta, il Tar chiude la prima fase del giudizio accogliendo le istanze della ditta. La sezione salernitana del Tribunale Amministrativo regionale ha ordinato la sospensione dell’ordinanza del sindaco di Sarno, Giuseppe Canfora, la quale inibiva l’attività di trattamento dei rifiuti alla Polyurethan Recycling Technology, azienda leader del settore sita in via ingegno. I giudici hanno confermato, ancora una volta, l’accoglimento dell’istanza cautelare presentata dall'azienda, rappresentata e difesa dagli avvocati Lorenzo Lentini e Feliciana Ferrentino, che avevano presentato ricorso innanzi al tribunale amministrativo per chiedere l’annullamento dell' ordinanza sindacale del 25 marzo e della delibera di consiglio comunale del 25 settembre 2019. Il contenzioso è scaturito a seguito del violento rogo divampato la notte del 11 marzo scorso che colpì un dei depositi industriali della Prt. Da quell'evento, il sindaco Canfora emanò un provvedimento di sospensione dell'attività della ditta, interpellando anche il funzionario della Regione Campania Antonio Barretta, che dava riscontro negativo all'interrogazione dell'amministrazione comunale di Sarno. Ne conseguì il ricorso al Tar della Prt e la la costituzione in giudizio del Comune di Sarno e di un Comitato di cittadini di Sarno che si è inserito nel giudizio con un intervento ad opponendum dell’avvocato Antonella Minieri. Nell'udienza celebratasi in camera di consiglio mercoledì scorso, il presidente Paolo Severini e il consigliere Olindo Popolo, hanno deciso di chiudere la fase cautelare del giudizio accogliendo le domande della Prt. e rigettando la domanda del comitato di cittadini. In primis, poiché «Nel bilanciamento degli opposti interessi, va data prevalenza, a quello della società ricorrente alla prosecuzione dell’attività, atteso che quello alla salubrità ambientale, assunto a base dell’attività provvedimentale del Comune e dell’intervento ad opponendum, non appare univocamente e imminentemente esposto ad accertate compromissioni». Ed in secondo luogo «Tanto, alla luce dei provvedimenti regionali che hanno confermato l'operatività dell’autorizzazione integrata ambientale, non fatti segno di rituale impugnativa, nonché degli esiti, indubbiamente confortanti, cui è pervenuta la Procura della Repubblica di Nocera Inferiore, nell'adottare il predetto provvedimento di dissequestro». Nel caso di specie, nei giorni scorsi la ditta ha ottenuto anche il rinnovo del certificato antincendio dal Comando dei vigili del Fuoco di Salerno e il dissequestro del capannone incendiato dalla Procura della Repubblica di Nocera Inferiore. Adesso la prossima udienza della battaglia legale è fissata per il 22 dicembre prossimo, data in cui vi sarà la trattazione del merito del ricorso.

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2