Stampa questa pagina

Pagani. Il "Coraggio" di Lello De Prisco di riscendere in campo: "“E’ stato l’anno più disastroso della storia politica della città"

17 Settembre 2020 Author :  

“Coraggio” è il motto della campagna elettorale di Lello De Prisco: il coraggio di affrontare una nuova sfida, il coraggio di ricandidarsi dopo un anno disastroso, il coraggio di amministrare la città di Pagani, il coraggio di affrontare la situazione economica finanziaria dell’Ente. Coraggio è la parola che Lello De Prisco rivolge ai suoi concittadini per farli andare a votare, per dare la svolta alla città, avere il coraggio di cambiare marcia. E’ un Lello De Prisco diverso quello che si ripresenta all’elettorato dopo appena un anno: più consapevole, più maturo, ma soprattutto con una squadra più forte che lo affianca.
“E’ stato l’anno più disastroso della storia politica della città, - spiega De Prisco - onestamente non penso ci sia un caso in Italia dove dopo appena un anno di amministrazione abbiamo sette commissari. A differenza delle altre volte, il commissariamento è avvenuto perché il sindaco era incandidabile. E’ inutile nasconderlo, la maggior parte dei Paganeso pensa che l’incandidabilità era già a conoscenza del sindaco decaduto. E’ una città disillusa, pure perché non aveva preso poche preferenze, anzi già al primo turno aveva preso quasi 10 mila preferenze. Ed è proprio a quei cittadini che mi rivolgo che trovino la forza per tornare al voto. E’ una campagna elettorale anomala, visto il periodo: piena emergenza Covid e per i mesi in cui si svolge, nei mesi di agosto e settembre, poi la preparazione della liste a luglio. Quindi è stata una campagna elettorale difficile. Per quanto mi riguarda, questa volta la mi candidatura è nata più per volontà altrui che per volontà mia personale. Non è che io non avessi la voglia di ricandidarmi, dopo il discreto successo dello scorso anno, ma in effetti sono stato scelto per guidare questo polo civico che è fatto di persone perbene, competenti e di varie estrazioni politiche che hanno dismesso la maglietta politica per un bene più pubblico e generale, per l’interesse comune di governare insieme, per una città che sta sotto zero sotto diversi punti di vista: finanziario, economico, morale e civile.

De Prisco si ripresenta alla città con ancora più entusiasmo

“Quest’anno è servito a far capire chi diceva la verità e chi le bugie, un anno dove si è fatta molta chiarezza. A me personalmente è servito molto per ritrovare le forze, per collaborare con nuove persone che l’anno scorso non hanno votato me e, soprattutto, in questo anno da volontario, ho capito realmente quali sono le esigenze della città. Il Covid mi ha visto partecipe come volontario e da volontario posso affermare che ci sono almeno mille famiglie nello stato di povertà, per tutte queste persone un nuovo lockdown sarebbe una catastrofe. Noi l’abbiamo affrontata con l’assenza delle istituzioni, Pagani è l’unico comune del territorio che ha affrontato l’emergenza Covid senza una guida politica. Se non fosse stato per le associazioni di volontariato, per le parrocchie, per Papa Charlie e in un secondo momento Agro Solidale, non aveva punti di riferimento. In questa mia esperienza con l’associazione Pane e Libri e Il Cammino di Sant’Alfonso, abbiamo scoperto la vera povertà, il vero disagio, quindi un osservatorio sulla povertà sarà importante se io diventi sindaco va fatto”.

Ma come si presenta al voto De Prisco dopo appena un anno

“Quest’anno l’obiettivo era quello di unire tutte quelle forze che non hanno fatto parte dell’amministrazione Gambino 2019. Il modo di repulsione che c’è stato in questo anno, rispetto all’accaduto, ha fatto unire anche persone che erano distanti. Mi riferisco a chi era vicino a Salvatore Bottone e chi è uscito dall’amministrazione Gambino, subito dopo pochi mesi. Per cui si sono unite queste energie pure perché spinte da un modo di rivalsa verso l’accaduto. Le liste sono state fatte con un giusto mix tra giovani e persone di esperienze, la squadra che mi supporta è più strutturata sia tecnicamente, come qualità, e anche elettoralmente”.

I Punti fondamentali del suo programma

“I programmi elettorale se si va a vedere nel dettaglio si assomigliano tutti, noi ci vogliamo differenziare sul fatto che il Sindaco, che sarà eletto, deve dare come punto programmatico il senso dell’Istituzione. Sembrerà una frase banale ma dopo tutto quello che ha subito il nostro comune, avere un sindaco che garantisca il governo istituzionale per cinque anni è già un punto programmatico importante. Se andiamo nel programma vero e proprio, sono 30 anni che questa città aspetta il Puc, il piano traffico, un nuovo piano commerciale, aspetta un nuovo piano di illuminazione. Aspetta un rilancio della pianta organica che ormai è sotto forza lavoro, dovremmo contare 160 dipendenti e ne contiamo appena 95. Quindi, aspettiamo l’approvazione del rendiconto di gestione 2018, perché è possibile che nei prossimi anni si possa fare un concorso per assunzioni di 40 nuovi dipendenti. In effetti i servizi sono molto scadenti. Manutenzione delle aree verdi, che non sono ben tenute. Va rivisto il piano per il dissesto idrogeologico e poi un rilancio culturale della città. Per quanto riguarda il Camino di Sant’Alfonso lo lasciamo da parte quest’anno perché è già una realtà. Quest’anno abbiamo avuto un gemellaggio con la città di Scala con l’intitolazione di un sentiero.

Sulla questione bilancio

“Sul bilancio, aggiunge, “Ho avuto un incontro con i commissari e per sommi capi mi è stato spiegato che a fronte dei 25 milioni di euro di debito, abbiamo 35 milioni di euro di credito esigibili ancora, per cui si pone la domanda: ma è stato giusto dichiarare il dissesto finanziario? Secondo me non andava fatto, pure perché significa aumento delle tasse al massimo, meno elargizione di denaro e meno soldi per le fasce deboli. Se tutto questo è stato fatto come vendetta alla precedente amministrazione allora penso che sia l’ennesimo atto scellerato. Quindi, penso che l’amministrazione Bottone avrà avuto mille difetti ma certamente non si può addebitare i debiti del pregresso”.

CLICCA QUI E GUARDA LA VIDEO INTERVISTA

Articoli correlati (da tag)