Ambiente: fiume Sarno ecosistema complesso, ripartire dalla terra

21 Ottobre 2019 Author :  

"Fiume Sarno come ecosistema complesso: ripartire dalla terra per coltivare un approccio olistico a problematiche antiche> e' stato il tema del convegno svoltosi nell'azienda agricola-agrituristica 'Poggio Fecondo' a Nocera Inferiore (SALERNO). Focus, in particolare, su biodiversita', servizi ecosistemici, tutela, utilizzazione e gestione sostenibile delle acque, agricoltura multifunzionale, educazione ambientale, contratti di fiume e infrastrutture verdi. L'iniziativa, rilevano i promotori, alla quale sono intervenuti esperti e rappresentanti delle istituzioni, e' stata finalizzata ad una "visione d'insieme" sui molteplici problemi "che affliggono il fiume Sarno e che si ripercuotono sulle popolazioni del bacino idrografico, un approccio di tipo olistico, ossia basato sull'idea che le proprieta' di un sistema complesso quale e' l'ecosistema fiume Sarno non possono essere spiegate esclusivamente tramite le sue singole componenti ma vanno necessariamente trattate in maniera sistemica, globale". Dopo gli interventi del sindaco di Nocera Inferiore, Manlio Torquato, il quale ha sottolineato l'opportunita' di completare i lavori del collettore fognario del territorio, sono intervenuti Filippo Diasco, direttore generale Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, Vito Busillo, presidente Coldiretti SALERNO, Antonio Crescenzo, presidente Ente Parco Regionale del Bacino del Sarno. La relazione introduttiva e' stata affidata all'ingegnere idraulico Mattia Bruno Francavilla. Tra i numerosi servizi ecosistemici associati alle acque interne, particolarmente importanti nelle aree ad elevato insediamento umano, quale e' il bacino idrografico del Fiume Sarno, si annoverano - e' stato rileavto - "quelli attribuibili al sistema suolo-terreno saturo che assicura il rifornimento di acque di falda destinate alla potabilizzazione, l'uso irriguo delle acque superficiali e profonde, l'autodepurazione delle acque reflue civili e industriali che avviene nelle acque superficiali, la regolazione del clima, contenimento della perdita di biodiversita' aumentando la connettivita' tra aree naturali esistenti, miglioramento del paesaggio". E' dunque attraverso "la pianificazione territoriale che si devono creare i presupposti affinche' possa essere data concreta attuazione agli indirizzi dettati dalla Direttiva quadro sulle acque (WFD), della Politica Agricola Comune (PAC) e possa essere implementato il concetto di infrastruttura verde". Il senatore Francesco Urraro, componente della Commissione Giustizia del Senato, ha evidenziato l'attenzione per finalizzare interventi legislativi per favorire il supporto alla repressione degli attacchi al territorio che costeggia il Sarno. Le conclusioni sono state affidate alla senatrice Virginia La Mura, membro della Commissione Ambiente del Senato. "Da anni studio gli ecosistemi del Sarno - ha sottolineato La Mura - e oggi viviamo un momento cruciale per l'intero territorio attraversato dal fiume con l'avvio del Master Plan e le prime operazioni in alcune aree. C'e' ancora molto da fare, ma gia' con l'accordo stretto pochi giorni fa con Vera Corbelli, segretario Generale dell'Autorita' di Bacino Distrettuale dell'Appennino Meridionale e braccio operativo del ministero diretto da Sergio Costa, e il comandante dei carabinieri per la Tutela Ambientale, generale Maurizio Ferla, si procedera' ad un controllo serrato dei flussi di contaminazione del fiume, vero dramma che ha notevolmente contribuito all'emergenza ambientale attualmente in atto".

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2