Spettacolo: “Fattarielle e ‘nciuci”: Clark Gable "non sarà mai un attore"

06 Settembre 2016 Author :  

di Francesco Apicella

Vi voglio raccontare un aneddoto su uno dei miti inossidabili di Hollywood: Clark Gable, attore bello e bravo, di grande fascino e carisma. Il suo volto, da romantico “mascalzone”, bucava sempre lo schermo e riempiva di gioia e d’amore il cuore di tutti gli spettatori, soprattutto delle donne, di cui lui era un idolo indiscusso. Divenne famoso interpretando il ruolo del simpatico e irresistibile giornalista Peter Warne in “Accadde una notte” il bellissimo film di Frank Capra, che ottenne un enorme successo di critica e di pubblico e fece guadagnare a Gable l’Oscar per il migliore attore protagonista dell’anno. Prima di entrare nel mondo del cinema Gable fece una lunga gavetta in teatro, recitando nella compagnia del grande Lionel Barrymore. Fu proprio Barrymore che gli consigliò di tentare la strada del cinema. “Devo dirigere un film per la MGM ( Metro Goldwyn Mayer n.d.r.)” gli disse un giorno “i produttori cercano un volto nuovo, perché non ti presenti da loro per fare un provino? Sei un bravo attore e, per di più, sei anche un bel giovane…” Gable si lasciò convincere e si recò alla MGM per il provino. “Appena giunto sul posto” raccontava Gable “un parrucchiere mi arricciò i capelli, un truccatore mi applicò sul viso un cerone scuro, mi spogliarono e mi vestirono da gitano. Poi qualcuno mi infilò un coltello nella cintura e mi mise un fiore di ibisco rosso dietro l’orecchio. Quali sono le mie battute?” domandai
“Non vi sono battute” mi rispose Barrymore “Devi uscire da dietro una siepe come se stessi cercando una ragazza”
“Tutto qui?!?” chiesi deluso
“Tutto qui!” fu la risposta secca di Barrymore.
Gable ce la mise tutta per girare quella brevissima scena ma quando Irving Thalberg, produttore del film, vide il provino, chiamò subito il regista e disse “ Non puoi mettere quest’uomo in un film. Guardalo!”
Lionel Barrymore fece di tutto per difendere il suo protetto
“E’ giovane ma sono sicuro che andrà bene…”
“Non con i miei soldi! Guarda le sue orecchie, sembra un pipistrello!” replicò Thalberg
In seguito Gable sostenne un provino per un film di Mervyn Le Roy, prodotto dalla Warner Bros. Quando Jack Warner vide il provino andò su tutte le furie. “Perché vuoi gettare 500 dollari del nostro denaro per fare un test a quel grosso gorilla? ” gridò rivolto al regista “ non hai visto quelle enormi orecchie quando hai parlato con lui? E quei piedi grandi e quelle mani enormi? Per non parlare, poi, della sua brutta faccia. No e poi no! Quell’uomo non diventerà mai un attore, te lo dice uno che di cinema se ne intende!”.
Entro un anno la rivista Hollywood Report annunciò ai suoi lettori che era nata una nuova stella. L’articolo diceva:” Quando Gable appare sullo schermo, non si è mai registrato così tanto entusiasmo tra tutto il pubblico.” E, infatti, a dispetto della diagnosi infausta della MGM e della Warner sul suo futuro artistico, Gable divenne nel firmamento cinematografico, hollywoodiano e internazionale, una stella di prima grandezza che ancora oggi, a distanza di 50 dalla sua scomparsa, brilla di luce propria.

AdMedia

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2