Gli edili della Campania in piazza per rivendicare contratto e lavoro, venerdì sciopero

28 Luglio 2016 Author :  

Salerno. Il settore delle costruzioni ha vissuto una delle crisi più durature e profonde. Ancora oggi sente i colpi pesanti di una difficoltà non ancora superata. Più di 50 mila posti di lavoro persi, una ricchezza tra i 250 e i 300 milioni di euro andata in fumo, un sistema d'impresa smantellato dalla burocrazia, dal ritardo dei pagamenti, dalle vessazioni criminali. La crisi ha colpito e colpisce i lavoratori e le imprese. Occorre che gli investimenti annunciati e programmati, a partire dall'Agenda Comunitaria 2014-2020, siano cantierati in tempi celeri e certi. Così come è fondamentale avviare programmi di riqualificazione e rigenerazione urbana, per intervenire sul patrimonio edilizio, vetusto ed insicuro, puntando sulle periferie. Grande risalto dovrà avere il rilancio del Progetto Sirena. Sul risparmio energetico, la valorizzazione del patrimonio storico-culturale, dal Centro Storico di Napoli ai tanti Centri Storici della Campania. La crescita e la ripresa del settore, passano da qui e non possono prescindere dalla dimensione qualitativa e regolativa, oltre che dall'implementazione dell'occupazione. La qualità, la trasparenza, la regolarità, la sicurezza, sono le stelle polari delle ripresa del settore. Così come lo è il rinnovo della contrattazione integrativa che nelle province della nostra regione segna il passo. Riteniamo un errore, il fatto che le Associazioni dei Costruttori delle Province della Campania, non favoriscano il rinnovo dei contratti, utilizzando strumentalmente la crisi. Il contratto non serve soltanto a rinnovare diritti e salario. Esso rappresenta uno strumento a disposizione del settore, dei lavoratori e delle imprese, per rilanciare l'azione verso politiche di settore che affrontino i nodi strutturali della crisi, che è crisi di domanda, e al tempo stesso di offerta. E' un antidoto alla crisi, è la "carta d'identità" di un sistema che si candida a "motore di sviluppo", e lo rivendica al Governo, alla Regione, alle Istituzioni locali. Per il Sindacato di categoria la battaglia per il rinnovo del contratto è un tutt'uno con quella del lavoro. Per queste ragioni, le Federazioni Regionali di Feneal-UIL, Filca-CISL, Fillea CGIL, indicono una manifestazione regionale con presidio in Piazza dei martiri, il giorno 29 luglio p.v. dalle ore 10 alle ore 13.

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2