Cava. "Lavori pubblici al clan in cambio dei voti": chieste le condanne

23 Novembre 2018 Author :  

Ieri mattina, nel processo che vede gli Zullo imputati per usura ed estorsione aggravate dal metodo mafioso, il pubblico ministero Vincenzo Senatore ha chiesto 16 anni di carcere per il capo Dante Zullo, 10 anni e 8 mesi per il figlio Vincenzo, 5 anni e 3 mesi per la sorella Lucia, 12 anni e 6 mesi per Vincenzo Porpora e 1 anno e 4 mesi per Giovanni Sorrentino, il collaboratore di giustizia che ha svelato il presunto intreccio tra clan e politica e beneficia per questo di una riduzione di pena sull’imputazione di intestazione fittizia di beni. Il pm ha chiesto inoltre la confisca delle quote societarie oggetto del processo e anche di cambiali, assegni, orologi e altri beni di valore che la Dia ha sequestrato nel corso delle indagini. La sentenza è prevista per oggi pomeriggio, ma intanto la Procura ha chiuso il cerchio sul filone legato alle entrature del sodalizio in Comune e ha notificato la conclusione delle indagini, oltre che a Polichetti, al funzionario Angelo Trapanese (responsabile del servizio Tributi), a Dante Zullo e ad Antonio Santoriello, marito di una nipote di quest’ultimo. Sarebbe stato Santoriello, a ridosso delle elezioni amministrative di tre anni fa, ad accompagnare Polichetti nella scuderia degli Zullo a Santa Lucia e a sollecitare il sostegno della famiglia.

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2