Sarno. Scagionato il baby piromane del Monte Saretto trovato con droga

31 Ottobre 2019 Author :  
Il baby piromane del Monte Saretto arrestato per droga è stato scagionato, la Procura chiede la revoca della misura cautelari. Era stato denunciato per traffico e detenzione di sostanze stupefacenti il minore G. B. residente a Sarno e indiziato come responsabile anche per il rogo del Monte Saretto dello scorso 20 settembre 2019. A vincere è stata la tesi dell’avvocato difensore Walter Mancuso, il quale aveva chiesto degli accertamenti preventivi sulle sostanze sequestrate dagli agenti della Polizia di Stato nella serata del 30 settembre scorso. Nel caso di specie, il ragazzo quella sera era stato notato a piedi, con uno zainetto, con atteggiamento sospetti ad aggirarsi per le vie del centro e nei pressi dell’ex ospedale “Villa Malta” a Episcopio. Gli agenti dopo un breve inseguimento lo sorpresero sotto un’auto, che provava a nascondersi, e ingaggiando dei tentativi di fuga. Una volta bloccato, dalla perquisizione personale, venne rinvenuta marijuana per oltre 70 grammi occultata nello zaino, con una ulteriore perquisizione domiciliare chiusa con esito negativo. Dopo le procedure, il minore fu condotto presso il centro di prima accoglienza di Salerno su disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Salerno. Ma, l’altra mattina, il Pubblico Ministero Angelo Frattini del Tribunale per i Minorenni di Salerno ha notificato la richiesta di revoca delle misure cautelati al Giudice delle indagini preliminari Vincenzo Di Florio al fine di ottenere “l’immediata liberazione del minore, se non detenuto per altre cause”. In quanto, all'esito delle analisi in un laboratorio specializzato ordinate su richiesta dell’avvocato di parte Walter Mancuso, è risultato che la marijuana sequestrata non contiene principi psicoattivi (con Thc prossimo allo zero) e quindi non reca effettivi droganti. Quindi, ordinanza custodiale revocata per il minore e, molto probabilmente, archiviata la notizia di reato perché il fatto non sussiste. Ad ogni modo, il ragazzo resta detenuto presso un Istituto Penale Minorile giacche indagato per l'incendio sul Monte Saretto, insieme ad altri minori. La sua posizione, però, sembra essere la più compromessa sul piano delle responsabilità e resta pertanto applicata l'ordinanza cautelare per tale vicenda che ad oggi, è ancora in fase di indagini. Paradossalmente, secondo indiscrezioni, l'arresto per spaccio ai danni del minore è servito agli inquirenti a permettere di attenzionare ulteriori soggetti coinvolti in attività criminali.

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2