Sarno. Biogas, la centrale può aprire. Il Tar di Salerno sospende l’ordinanza del sindaco Canfora

21 Gennaio 2021 Author :  

di Danilo Ruggiero 

Biogas, la centrale può aprire. Il Tar di Salerno sospende l’ordinanza del sindaco Giuseppe Canfora. La Società Agricola “Imet Energia “ ha ottenuto dal Tribunale amministrativo regionale della Campania la sospensione dell’ordinanza sindacale del primo cittadino Giuseppe Canfora che, il 18 dicembre scorso, aveva disposto la chiusura immediata dell'attività esercitata in una delle centrali di biogas in via Muro d’Arce, nella località di Foce. L’ordinanza del sindaco richiamava la necessità di «evitare la diffusione di emissioni diffuse di odori al di fuori del perimetro aziendale, procedendo sistematicamente al compattamento delle biomasse ed alla loro copertura con teli plastici» con il contestuale ordine per la «Rimozione immediata di tutti i cumuli maleodoranti, consistenti in derivati dallo stoccaggio degli scarti e dei prodotti di origine vegetale, in particolare derivante dalla lavorazione del pomodoro, scarti di fagioli e carote, depositati nelle vasche di sedimentazione e nel piazzale esterno o sullo stesso piazzale dell’impianto di biogas». Avverso il provvedimento di chiusura della centrale, la Imet Energia di Perugia, difesa dall’avvocato Marcello Fortunato, ha presentato ricorso al Tar di Salerno, poiché a suo dire «Il Sindaco del Comune di Sarno ha reiterato senza alcun reale motivo la chiusura immediata dell'attività, nonostante l'intervenuto adempimento delle prescrizioni imposte con una precedente ordinanza». La sezione Seconda del Tar salernitano, presieduta dal magistrato Nicola Durante, letto il ricorso della Società agricola perugina, ha deciso, in via cautelare, di accogliere l’istanza di misure cautelari monocratiche per la sospensione dell’ordinanza del primo cittadino di Sarno. Il Comune di Sarno, non ancora costituitosi in giudizio, lo farà entro la prossima udienza da tenersi con trattazione collegiale il 10 febbraio prossimo. A riferirlo è stato l’assessore al contenzioso Eutilia Viscardi “Il ricorso al Tar è arrivato al nostro protocollo martedì alle ore 17.15. Pertanto, è stato già contattato l'avvocato Paolo Centore, per continuità, in quanto ci ha già difeso nel precedente giudizio che si costituirà. Il Tar ha sospeso per motivi economici, bisogna far capire ai giudici che la salute e l'ambiente sono più importanti”. L’esponente della minoranza, il consigliere comunale Giovanni Montoro, ha chiesto invece una maggiore attenzione all’esecutivo “Penso che l'amministrazione comunale abbia il dovere di mettere al primo posto il problema del Biogas in località Foce. Non costituirsi nei procedimenti giudiziari in essere è gravissimo sotto ogni aspetto. Non sono ammissibili errori o distrazioni perché chi paga le spese è il territorio e i cittadini di Foce. Occorre avere il coraggio di andare oltre alle semplici ordinanze sindacali molto spesso non rispettate. È necessario avviare l'iter per la revoca delle autorizzazioni in tempi rapidi e fare le esecuzioni in danno delle ordinanze non rispettate".

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2