Angri. Indagini a tappeto sul raid a Rega e Coppola: ecco le prime ipotesi

25 Luglio 2016 Author :  

 

ANGRI. Una missione punitiva contro il 35enne Rosario Rega da parte di delinquenti del posto. Nasce in questo ambito l’agguato di sabato pomeriggio in via Santa Maria delle Grazie. Luigi Omar Coppola sarebbe stato solo nel posto sbagliato nel momento sbagliato, quindi ferito per errore o solo perché si trovava vicino all’amico coetaneo.
I carabinieri del capitano Michele Avagnale e del maggiore Enrico Calandro sono ormai sulle tracce dei Due che hanno esploso i 13 colpi di calibro nove, dopo aver visto anche i numerosi filmati delle telecamere della zona.
E il fatto sarebbe legato a reati comuni: escluso la pista degli stupefacenti.
I due feriti sono stati sottoposti ad intervento chirurgico all’ospedale “Umberto I” di Nocera Inferiore e stanno ora bene.
Confermata la ricostruzione dell’agguato. Alle 15,50 circa di sabato scarso in via Madonna delle Grazie nella semiperiferia della città. L’ufficio postale è chiuso e nesuno è davanti al bancomat. Pochissime le persone nei pressi del bar pasticceria “Tutto Dolce confinante con l’agenzia delle Poste ed è praticamente all’incrocio. Poco più in là c’è anche l’abitazione dell’ex sindaco, e attuale consigliere comunale di opposizione, Pasquale Mauri.
Ad un tratto passa una moto con due persone a bordo e con il volto coperto da casco, un giro e poi via. Passano pochi minuti. davanti al bancomat si incontrano Rega e Coppola: entrambi sono a piedi, e cominciano a chiacchierare mentre il primo deve effettuare un prelievo.
Mentre parlano spunta di nuovo la moto con le due persone a bordo. Pochi istanti e il passeggero della moto scende, estrae la pistola e spara contro i due una pioggia di fuoco. Viene colpito Rega alla mano e subito dopo Coppola alle gambe che cade a terra. Rosario scappa e l’attentatore, disinteressandosi di Luigi Omar, lo segue. Rega entra all’interno della vicina pasticceria: passa la veranda, poi il bar con le persone presenti ma il killer lo insegue fin dentro il laboratorio dove gli spara altri colpi di pistola, tra il titolare e altre completamente atterriti. L’assalitore fugge via salendo sulla moto e allontanandosi con il complice. Immediati i soccorsi. I due feriti vengono trasportati all’ospedale “Umberto I” di Nocera Inferiore. Per loro solo ferite non gravi.
I carabinieri conteranno 13 bossoli calibro 9, esplosi da una pistola semiautomatica. Questa la prima ricostruzione dopo che gli inquirenti, i carabinieri della stazione di Angri, del reparto territoriale di Nocera Inferiore e la polizia locale angrese, hanno ascoltato alcune persone sul posto e vedendo i filmati di varie telecamere di videosorveglianza.
Per gli inquirenti si tratterebbe di avvertimento o di un raid punitivo, non si sa ancora se diretto ad entrambi i feriti o ad uno di loro. Gli attentatori avrebbero mirato alle gambe, con l’intento di ferire e non di uccidere.

 

I PERSONAGGI -  Due figure certamente non di primo piano, quella di Rosario Rega e Luigi Coppola nel panorama criminale locale. Per i due, solo piccoli precedenti di polizia per reati contro il patrimonio, più a carico di Rega che di Coppola, e non risultano collegati ad organizzazioni criminali.«Al momento le indagini, coordinate dalla Procura di Nocera Inferiore, sono in corso e non escludono che si possa trattare di un regolamento di conti per uno “sgarro” commesso dai due», scrivono i carabinieri in un comunicato stampa. I due sono ricoverati in queste ore all’ospedale di Nocera Inferiore e non sono in gravi condizioni di salute. Sono stati sottoposti ad intervento chirurgico e

Presto saranno nuovamente interrogati e probabilmente potrebbero ricostruire a far risalire l’agguato.
Al momento, i due feriti hanno dichiarato ai carabinieri di non saper ricondurre l’agguato ad alcun episodio né di aver riconosciuto gli attentatori. Dai primi elementi, l’agguato potrebbe essere diretto probabilmente più verso Rega che Coppola. Ulteriori elementi potrebbero arrivare dall’esame di diverse telecamere di videosorveglianza poste nella zona. Rega è persona nota per essere più volte finite nella rete degli inquirenti. Coppola, invece, aveva fatto discutere di sé per in città per la sua recente conversione all’islam e per la sua attività su facebook dove postava molte foto, tra le quali anche con personalità politiche di Napoli, intervenuto ad un festa mussulmana.

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2