Negoziato a oltranza con l'Ue Moscovici: 'Sforzo in più'

14 Dicembre 2018 Author :  

Roma-Bruxelles, si tratta ad oltranza per raggiungere un'intesa. Dopo il disgelo di ieri tra Conte e Juncker, questa mattina sono arrivate le parole del commissario europeo Pierre Moscovici che ha chiesto a Roma uno sforzo in più sul deficit perché, ha rilevato, "ancora non ci siamo".

"L'Italia dovrebbe compiere ulteriori sforzi per il Bilancio 2019", dice commentando l'annuncio del governo italiano di un deficit al 2,04% per il prossimo anno. "È un passo nella giusta direzione - afferma nella mattina intervenendo presso la commissione affari economici del Senato, - ma ancora non ci siamo, ci sono ancora dei passi da fare, forse da entrambe le parti".

Moscovici, torna a dire che la Francia di Emmmanuel Macron puo' sforare il tetto del 3% per finanziare le misure volte a sedare la crisi dei gilet gialli, ma ha auspicato che questa violazione dei patti assunti con Bruxelles per il 2019 sia "piu' limitata possibile" e "temporanea".

Successivamente fa alcune precisazioni: riconosce che la distanza con l'Ue si è ridotta perché "lo sforzo fatto dall’Italia è consistente e apprezzabile". Al termine delle riunioni con i rappresentanti italiani, ha detto che il dialogo prosegue in modo "costruttivo" e c'è "l'intenzione condivisa di arrivare ad un accordo. Non vogliamo arrivare alla procedura", e "quando ho detto che non ci siamo ancora intendevo che non abbiamo ancora concluso la discussione".

Nessun commento alle parole di Moscovici da Palazzo Chigi. Il presidente è concentrato sul negoziato. Quello che filtra da Palazzo Chigi è fiducia e orgoglio per la proposta fatta, che pure in una responsabile riduzione del rapporto deficit Pil lascia invariati redditi di cittadinanza e quota 100, coerentemente con quanto sempre promesso. Questa è la strada intrapresa e che si continuerà a percorrere, sottolineano fonti di Palazzo Chigi.

Ed intervengono anche i due vicepremier, Luigi Di Maio e Matteo Salvini. "Continuiamo a sostenere con convinzione la nostra proposta - affermano in una nota -. Piena fiducia nel lavoro di Conte. Siamo persone di buon senso e soprattutto teniamo fede a ciò che avevamo promesso ai cittadini, mantenendo reddito di cittadinanza e quota 100 invariati. Manterremo tutti gli impegni presi, dal lavoro alla sicurezza, dalla salute alle pensioni senza penalizzazioni, dai risarcimenti ai truffati delle banche al sostegno alle imprese".

Il ministro dell'economia Giovanni Tria resterà a Bruxelles fino alla fine del negoziato con la Commissione europea:_ "Stiamo discutendo sulla nostra proposta": così il ministro dell'Economia Giovanni Tria risponde a chi gli chiede come stia andando la trattativa con l' Ue. Il ministro ha poi detto che domani avrà altri incontri "finché non si arriverà ad un accordo".

Per Di Maio, cambiano i decimali ma non la sostanza: "Questi giorni per l'Italia sono molto importanti - ha detto -. Stiamo portando a casa una manovra che punta sullo sviluppo e, allo stesso tempo, tampona l'emergenza sociale. Per fare queste cose non abbiamo aspettato che le piazze si riempissero di milioni di persone come è successo in Francia, ma abbiamo agito immediatamente. E di questo sono orgoglioso. La trattativa va avanti, cambiano i decimali, ma non cambia la sostanza".

AdMedia

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2