Origo Albarella

Anna Robustelli Sindaco

IMG 20190515 WA0006

Antiche malattie ritornano? Un'epidemia di sifilide: la prevenzione e il preservativo la migliore arma

26 Dicembre 2018
Author :  

Antiche malattie ritornano? Un'epidemia di sifilide sarebbe la causa della morte di sette bambini in Australia. Un focolaio della malattia "medievale" che è sotto attenzione delle autorità sanitarie australiane È un serio rischio per le donne incinte. La prevenzione (e il preservativo) la migliore arma. Una malattia "medievale" sta risorgendo in Australia e le autorità sanitarie starebbero lottando per metterla sotto controllo: la sifilide, una delle più temibili malattie a trasmissione sessuale. L'origine del focolaio era contenuta nel North End, ma si sarebbe poi diffusa ulteriormente in tutta l'Australia, causando la morte di sette bambini. Ci sono stati di recente focolai in Australia meridionale e ad agosto sono stati osservati i primi casi segnalati nello stato di Victoria nel sud est, a distanza di 14 anni dall'ultimo. Quindi anche l'Australia del Sud ha visto un bambino nato con la malattia dagli esiti potenzialmente mortali l'anno scorso, il primo in 18 anni. Di due casi segnalati di patologia congenita, uno è risultato, purtroppo, fatale. Ci sono stati finora sette decessi determinati da sifilide congenita, ossia trasmessa dalla madre al feto, da quando l'epidemia è stata accertata nel Queensland nel gennaio 2011. Nel complesso ci sono stati 15 casi di sifilide congenita dall'inizio dell'epidemia, tra circa 2400 in totale. Nel Medioevo la sifilide era considerata una piaga che causava gravi conseguenze come una serie di infezioni ed anche problemi neurologici, ma sebbene nei tempi moderni sia facilmente curabile nelle sue fasi iniziali, gli esperti avvertono che ci vorranno anni per ridurne le conseguenze a livello nazionale. Per affrontare la "tempesta perfetta", di giovani sessualmente attivi e transitori che diffondono la malattia in tutto il paese, questo mese, il governo australiano ha impegnato ulteriori 12,4 milioni di dollari australiani (pari a 7,65 milioni di euro) nel suo programma di test. Il finanziamento "estenderà e sostiene test e trattamenti immediati" nelle comunità aborigene e delle isole dello Stretto di Torres nell'Australia settentrionale, meridionale e centrale. È stanzierà 21,2 milioni di dollari (pari a 13,07 milioni di euro) fino al giugno del 2021 per tenere sotto controllo la malattia. I casi sono prevalentemente tra i giovani tra i 15 ei 29 anni. Quasi 120 professionisti sanitari sono stati formati per utilizzare i kit di test e oltre 4000 persone sono state sottoposte a screening da parte di servizi sanitari finanziati nelle prime fasi del programma. Il ministro per la salute indigena Ken Wyatt ha dichiarato che la diagnosi e il trattamento immediato "promettono un importante passo avanti nella riduzione della diffusione della malattia". La spinta al finanziamento include 1 milione di dollari australiani per risposte rapide in tutte le altre aree in cui viene rilevata un'emergenza sifilide emergente. "Stiamo facendo progressi, ma il fatto che questa malattia prevenibile e curabile eppure mortale dilaghi in alcune comunità aborigene è una tragedia che non dovrebbe mai essere permessa", ha affermato Wyatt. Ha anche invitato gli stati e i territori ad aumentare il loro impegno a livello locale. Ha detto di aver scritto ai ministri della salute ribadendo che le risorse extra erano sotto la loro responsabilità e "fondamentali per fermare l'epidemia di sifilide e salvare vite umane". A ottobre, la Malaysia è diventata il primo paese nel Pacifico occidentale a ridurre la trasmissione da madre a figlio di HIV e sifilide. La Malesia è stata tra i primi ad adottare globalmente la prevenzione nazionale, iniziando lo screening dell'HIV prenatale nel 1998. Nell'area dell'Oceano Pacifico dell'Organizzazione Mondiale della Sanità si stima che circa 45.000 donne in gravidanza siano infettate dalla sifilide ogni anno. Le nascite possono provocare aborto e morte in utero, sottopeso alla nascita e gravi infezioni neonatali. Eamonn Murphy, direttore regionale di UNAIDS per l'Asia e il Pacifico, ha detto che gli altri stati dovrebbero seguire l'esempio della Malesia. Lo scoppio della malattia in Australia Meridionale è stato dichiarato solo a novembre. Nello stato di Victoria, tre quarti dei casi segnalati provenivano da uomini omosessuali e bisessuali. Ma il vice direttore sanitario del Victoria, il dott. Brett Sutton, ha affermato che negli ultimi tre anni si è verificato un "forte aumento" delle donne infette. "Era praticamente scomparso negli anni '90 in Australia. Ha avuto un lento aumento da allora, e poi negli ultimi anni abbiamo assistito a una ripresa", ha detto in agosto. "La mortalità fetale è ovviamente il risultato più tragico, ma può anche causare deformità di ossa, pelle, arti e cervello nei neonati. È prevenibile e non dovremmo permettere che accada. "La sifilide può essere trasmessa da sesso vaginale, anale e orale e i preservativi riducono notevolmente il rischio di trasmissione. L'infezione è spesso asintomatica, rendendo cruciale lo screening, ma possono esserci piaghe ed eritemi genitali. La campagna "Young, deadly, syphilis free" è diretta a 30.000 giovani nelle comunità colpite dal test epidemico specifico entro giugno 2019. Ancora una volta, quindi, per Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, la prevenzione e l'utilizzo del condom per chi si sposta in quelle zone e ha rapporti sessuali, possono essere semplici ed efficaci strumenti per evitare di essere contagiati da una malattia che noi occidentali pensavamo sepolta nei libri di storia e che invece si potrebbe riaffacciare nuovamente anche nel Vecchio Continente a causa della mobilità globale che vede spostare centinaia di migliaia di persone ogni giorno da ogni luogo del mondo.

10839 Views
La Redazione

AdMedia

IMG 20190515 WA0007

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2