Sarno. Cofaser: blitz della Guardia di Finanza, interrogati alcuni dipendenti

27 Febbraio 2020 Author :  

di Danilo Ruggiero

Blitz della Guardia di Finanza nella sede della Cofaser a Sarno. I militari della Guardia di Finanza, ieri mattina, sono piombati nella sede del Consorzio delle farmacie, in via Matteotti a Sarno. Le fiamme Gialle, su ordine della Procura di Nocera Inferiore, hanno effettuato interrogatori ad alcuni dipendenti dell'area amministrativa. A finire nel mirino gli ammanchi di cassa e le spese folli dei dirigenti del Consorzio. 

I militari della Guardia di Finanza piombano nella sede sarnese del Cofaser, il Consorzio delle farmacie che gestisce vari punti vendita nella città dell’Agro e a Mercato San Severino. Nella giornata di ieri, infatti, sono state effettuate verifiche ed acquisizioni di documenti sui presunti ammanchi di cassa e sulle spese “pazze” dei dirigenti.Nel mirino finanzieri è finita la gestione del Consorzio che ha sede legale a Sarno. L’attività di indagine era partita già qualche mese fa su impulso della Procura della Repubblica di Nocera Inferiore, quando con l’attività svolta dal pm Anna Chiara Fasano si diede esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo di 23mila euro nei confronti di Luigi Napoli, ex direttore generale del Cofaser. Da qualche giorno, invece, i finanzieri stanno procedendo all'acquisizione di documenti presso la sede legale del Consorzio, oltre ad ascoltare in maniera informale alcuni impiegati amministrativi per cercare di ricostruire i molteplici aspetti che hanno portato ad un buco di 1.700.000 euro nel bilancio del Cofaser. Proprio le giornate di ieri e di martedì sono state tra le più intense per gli inquirenti. A confermare la vicenda è stato il professore Pierfrancesco Lupi, componente del Consiglio di amministrazione del Cofaser. «Sono vari giorni che i finanzieri vanno e vengono per acquisire i documenti, poichévi è un’indagine in corso ed è probabile che siano stati ascoltati anche i dipendenti». Tuttavia, le ricerche degli inquirenti restano top-secret: «Non posso dare informazioni specifiche, ma sono stati denunciate alla magistratura degli ammanchi di casa di oltre 40mila euro, sui cui non possiamo sapere chi li ha sottratti materialmente, e poi ci sono indennità e premi auto-liquidati in passato. Si tratta di grosse cifre - ha spiegato Lupi -. L’indagine è coperta dal segreto istruttorio, non sono a conoscenza dei dettagli. Noi ci siamo limitati a fare denunce sui fatti accaduti e non sulle persone». Sulla questione legata a Napoli, però, Lupi si è mostrato cauto: «Lui capro espiatorio? Questo non sono io a doverlo dire - ha precisato - Certo è che lui era il direttore generale avente pieni poteri all'interno del Consorzio». Nel corso dell’ultimo consiglio comunale tenutosi a Sarno la minoranza aveva rivelato che il debito del Cofaser sarebbe arrivato a 3 milioni di euro. E pure su questo Lupi non si è sbottonato: «Di queste cose dovrebbe occuparsi chi ha competenze tecniche, poiché c’è differenza tra debito e perdite - ha affermato -. Quest’ultime sono di circa 4 milioni di euro, di cui una metà nei confronti di due grossi creditori. Ad esempio c’è un software che è stato pagato 600mila euro. Ma la minoranza consiliare di Sarno, oltre a fare i nomi dei lavoratori assunti a tempo determinato - circa 30 nell'ultimo anno - dovrebbe rivelare anche tutte le altre cose. Ci sono liti temerarie per esperire azioni legali, incarichi inopportuni conferiti ad avvocati ed assunzioni di figure dalla dubbia utilità. Per esempio a cosa serviva un geometra in un Consorzio farmaceutico?». Ora l’attenzione resta rivolta sulla procedura di concordato preventivo volta ad evitare il fallimento. «Stiamo cercando di trovare un accordo con i creditori e mi auguro che Sarno avrà ancora un Consorzio farmaceutico - ha concluso Lupi -. Quello che è sicuro è che, una volta che sarà tutto finito, andrò in consiglio comunale a Sarno per spiegare la viceenda all'assise e rassegnerò le mie dimissioni dal Cda».

 

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2