Maiori. Arenile, magazzini e solarium: "Svenduti, ora vogliamo risposte"

12 Agosto 2016 Author :  

Arenile San Francesco, Solarium e magazzini: città nuova e Insieme per Maiori dicono la loro sulla nuova scelta del comune di darli in gestione ai privati. "Ci hanno lavorato un anno, ma alla fine hanno trovato la soluzione per arenile San Francesco, solarium e magazzini al porto. Causa carenza di fondi (si sa, mettere e rimettere fiori costa parecchio), si è deciso di regalarli fino al 2020 per poche centinaia di euro all’anno purchè l’assegnatario provveda a risistemarli “riqualificando” l’area - spiegano - Poco importa che questo renda sempre più improbabile una nuova (o recuperata) Porto di Maiori Spa che partendo dall’area portuale arrivi a gestire in economia una pluralità di servizi locali a costi (e risorse umane) controllabili. Hanno messo in piedi una “manifestazione di interesse” che ha indotto e induce perplessità amministrative (nessuna notifica agli esclusi di prima fase e con unico parametro di discrezionale selezione “ l’essere più vicino a quelli che sono gli obiettivi dell’Amministrazione”), e dopo ben tre mesi e mezzo, il coniglio dal cilindro della seconda fase è l’Azienda D’Avino Gennaro da San Marzano sul Sarno. L’azienda D’Avino opera dal 1984 nel settore della coltivazione di frutta e ortaggi (sic), poi integrata dal 2011 con attività agrituristica e di ristorazione sulle colline di Nocera Inferiore, ed è risultata prima con un progetto di gestione che prevede di aprire un bar con orario 05-02 in estate e 06-22 in bassa stagione, e negozi di prodotti tipici, attrezzature nautiche da diporto, info-point, parco giochi e attività sportive da aprile a settembre dalle ore 9 alle ore 23. Tra i criteri di punteggio, anche i livelli occupazionali, con una previsione “in via del tutto prudenziale” di “almeno” 39 (diconsi trentanove) assunzioni. Praticamente, la FIAT. O meglio ancora la “Babbo Natale SpA”.
Vivaddio, direte voi: una Amministrazione rigorosa e attenta all’economia e al lavoro! Era ora! Sennonché, siamo all’undici di agosto: la “riqualificazione” è in foto; al momento è aperto solo il bar con il solarium e un negozio di abbigliamento non granché tipico. Non vogliamo scoraggiare chi vuole investire qui da noi, anche perché sappiamo bene che è complicato ragionare con una Amministrazione che ti consegna l’area solo al 30 di giugno: e dunque aspetteremo il completamento dei lavori per contare fino a 39, facendo pure finta di non vedere quella specie di discarica che arreda da giorni l’arenile San Francesco. Però c’è una cosa che i cittadini hanno il diritto di sapere fin d’ora.
Con questa brillante operazione affidiamo per 80 centesimi al giorno a metro quadrato 400 mq di locali commerciali, 800 di solarium e 2500 di spiaggia a un imprenditore per cinque stagioni: vuoi vedere che finirà come solitamente è successo al porto, che chiunque arriva ne diventa “padrone”? O per una volta saranno fatte rispettare regole e impegni assunti?
Alla fine della storia: quando il bar è operante (a maggior ragione col solarium in funzione), il progetto di gestione presentato per aggiudicarsi l’affidamento prevede che a luglio, agosto e settembre debba restare aperto con orario 05-02 su tre turni di sette ore con quattro persone a turno, cioè un minimo di 12 assunzioni (ormai) bimestrali a tempo pieno.
Mentre assieme ai lavoratori di Maiori aspettiamo Babbo Natale che ci apre la FIAT, l’Amministrazione deve dire a tutti noi: sono stati effettuati e certificati i previsti lavori (almeno nei locali aperti)?
Viene rispettato il progetto di gestione che ha consentito l’affidamento dell’area?
Quante assunzioni sono state finora effettuate dall’azienda?
Ne possiamo parlare domattina alle 5 al bar del molo davanti a un caffè. Diversamente, la conclusione è quella di sempre: l’Amministrazione, piuttosto che tirare le cuoia tira a campare, tra approssimazione e deresponsabilizzazione, con il “Sindaco del fare” che non sa bene cosa fare e come farlo. Né riesce ad impararlo" concludono i consiglieri di Città nuova e Insieme per Maiori.

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2