Sbarco a Salerno: ipotesi annegamento per le 26 vittime. Scontro politico sul caso

06 Novembre 2017 Author :  
SALERNO. Nuovo sbarco di migranti a Salerno, ma stavolta le tragedia è ancora più grande perché la nave spagnola Cantabric ha trasportato anche i cadaveri d 26 donne per le quali una prima ipotesi parla di annegamento. Il prefetto di Salerno, Salvatore Malfi, parla di «tragedia dell'umanità, credo che la Procura si attiverà di subito per valutare se possa trattarsi di altrettanti omicidi». Sulk nave circa 400 migranti. Il prr MAslni è salito sulla nave che trasportava i migranti. Tutte le salmi sono state trasportate all'obitoric dell'ospedale di Salerno per ur primo esame esterno, oltre chi per l'effettuazione di un tampone, per scoprire se le donne morte abbiano anche subito violenze In base agli elementi raccolti, i professor Antonello Crisci, perito della Procura, deciderà se orocedere con le autopsie. Una volta ultimati tutti gli accertamenti, nove cadaveri verranno sepolti nel cimitero del Comune di Salerno e i restanti nei comuni limitrofi. Malfi spiega che «le donne decedute, di nazionalità presumibilmente nigeriana, sembra fossero a bordo di un gommone dove vi erano anche uomini. Il barcone è affondato e le donne purtroppo hanno avuto la peggio, in quanto soggetti più deboli». Il prefetto esclude legami con la tratta delle donne: «Per quelle ci sono altre dinamiche e altri canali. Caricare le donne su un barcone sarebbe un investimento rischioso che i signori delle tratte non farebbero, potendo perdere la "mercé", come la chiamano loro, in un solo colpo». Il prefetto aggiunge: «Abbiamo già avuto altri morti ma su questa nave sarà tutto più complicato, anche come impatto morale. Siamo ancor di più in stretta collaborazione con la Procura della Repubblica perché i ventisei colpi potrebbero essere ventisei omicidi. Quello che va fatto, per esigenze di giustizia, andrà fatto. Bisogna vedere se si trova qualche soggetto su cui concentrare l'attenzione o se si procederà contro ignoti». Per quel che concerne i 400 migranti, tra i quali anche nove donne in stato di gravidanza, presenti a bordo non si sono registrare notizie di particolari situazioni critiche a livello sanitario. Il direttore generale dell'Asl, Antonio Giordano, parla di «organizzazione collaudata». L'Asl Salerno, d'intesa con la Prefettura di Salerno, ha predisposto il piano di accoglienza e le attività di emergenza e prima assistenza, mettendo in campo proprio personale medico ed infermieristico ed avvalendosi anche della collaborazione delle associazioni di volontariato, in rapporto convenzionale con l'Asl Salerno per il servizio Trasporto Infermi 118. Inoltre, sono stati messi in pre-allerta i pronto soccorso dei presidi ospedalieri di Sarno, Nocera Inferiore, Battipaglia ed Eboli, per eventuali ricoveri ed emergenze. L'Asl ha attivato proprie postazioni dotate di ambulanze, medici, anestesisti ed infermieri, co ordinati dal Direttore della Struttura Emergenza Urgenza, Gerarda Montella, in collaborazione con Distretto di Salerno, Vincenzo D'Amato, che ha assicurato la presenza di ulteriori medici ed operatori. Unanime il cordoglio del mondo politico per l'ennesima tragedia. «E' illusorio o cinico pensare che l'Europa possa risolvere il problema degli sbarchi delegandone la soluzione ai paesi nordafricani» dice il presidente della Camera, Laura Boldrini. Il deputato del Movimento 5 Stelle, Angelo Tofalo, accusa: «È ormai evidente a tutti il fallimento della cosiddetta "cura-Minniti", un vero e proprio flop, perché ha "donato" soldi a destra e a manca inutilmente senza risolvere il problema anzi, facendolo mutare in modalità più tragiche». Indignazione viene espressa anche dai sindacati. La segretaria generale della Cisl Annamaria Furlan definisce «inaccettabile assistere inermi a queste tragedie. Ci chiediamo se la vita senza valore di tante donne immigrate sia lo specchio dell'occidente avanzato». Ed Elisa Laudiero, della segreteria Cgil Campania, è chiara: «Non possiamo che affermare che le restrizioni agli ingressi, promosse dalle politiche comunitarie, si dimostrano fallimentari. Non si può pensare di bloccare il flusso migratorio delle persone ed è indispensabile salvare le vite umane».

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2