Due divertentissimi aneddoti sul mitico Freddie Mercury

14 Novembre 2016 Author :  

di Francesco Apicella

Quest’anno, fra pochi giorni, ricorre il 25° anniversario della morte di Freddie Mercury, il cantante dei Queen morto il 24 novembre del 1991 all’età di 45 anni, nella sua casa di Earls Court a Londra, per una grave broncopolmonite, sviluppatasi come conseguenza dell’Aids, malattia da lui contratta qualche anno prima. Freddie Mercury, leader indiscusso dei Queen, è considerato, per la sua splendida voce, il suo istrionismo, il suo indelebile carisma, la sua prestanza fisica, la sua vitalità straripante e la sua teatralità multiforme e scintillante, il miglior frontman di tutti i tempi. Con lui i Queen diventeranno la miglior live-band della storia, precedendo nella classifica i Beatles e i Rolling Stones, e venderanno circa 300 milioni di dischi. Peter Freestone, assistente personale di Mercury per oltre 12 anni, nel suo bellissimo libro”Freddie Mercury. Una biografia intima”, ha tracciato con amore e profonda dedizione un profilo inedito dell’artista, raccontando attraverso i suoi vizi, le sue passioni, le sue debolezze, gli anni della malattia e della sua morte, prima l’uomo e, poi, l’artista. Peter Freestone è stato sempre vicino a Freddie e si è sempre preso cura di lui, fino alla fine, ricoprendo i ruoli più disparati, per fargli piacere: gli ha fatto da baby-sitter, da cameriere, da cuoco, da maggiordomo, da body-guard e, nell’ultimo periodo della sua vita, anche da infermiere. Il libro è pieno di curiosità e di aneddoti e io, per ricordare Freddie Mercury, in occasione del suo 25° anniversario della sua morte, voglio raccontarvene qualcuno. Prima di raggiungere il grande successo Freddie viveva in un appartamento, insieme al chitarrista Brian May, al batterista Roger Taylor e ad altri amici. A quel tempo non prendeva nessun tipo di droga e non beveva alcoolici. Gli altri ragazzi del gruppo, invece, facevano uso regolarmente di marijuana e se la facevano arrivare, dal loro fornitore, mescolata con del tè al gelsomino. Un giorno uno di loro portò in casa una grossa quantità di “ tè speciale” e poi, dovendo uscire, la lasciò sul tavolo, accanto alla teiera. Poco dopo Freddie tornò a casa e, vedendo sul tavolo tutto quel tè e, a fianco, la teiera pronta, decise di farsi una bella tazza di tè. Venne fuori un tè portentoso, molto, molto speciale! La marijuana fece subito il suo effetto e, quando gli altri tornarono a casa trovarono Freddie completamente fuori di testa…fuori come un balcone! Aveva messo sul giradischi il suo disco preferito, “We’re only in it for the money” di Frank Zappa, in cui si sente un rumore che assomiglia molto a quello che fa il pick-up quando passa di traverso sui solchi di un disco. Quel rumore graffiante aveva mandato completamente Freddie nel panico e, credendo che qualcuno gli stesse graffiando il suo preziosissimo LP, si era subito precipitato verso il giradischi per fermarlo . Quando gli passò l’effetto della marijuana e gli spiegarono cosa era successo, pensò che quello che gli avevano fatto era stato proprio un bello scherzo. Sì, davvero un bello scherzo! Doveva assolutamente rifilarlo a qualcuno. Non dovette aspettare molto per questo: una sera si presentarono a casa due poliziotti, chiamati da qualcuno per far smettere, una volta per tutte, una festa particolarmente rumorosa. Freddie, da buon ospite, offrì loro pasticcini e tè, naturalmente abbondantemente“corretti al fumo”. I due agenti accettarono con piacere e, stravolti dalla marijuana e, ormai, privi di freni inibitori, contribuirono anch’essi a rendere la festa ancora più chiassosa e animata. Un altro aneddoto che voglio raccontarvi riguarda la nascita della canzone “Radio GaGa”. Nel 1984 i Queen stavano registrando l’album “The works” e, un giorno, uno dei primi giorni di prova, all’uscita della studio di registrazione, il figlio piccolo di Roger Taylor che, all’epoca aveva 3 o 4 anni, corse incontro al padre urlando delle parole senza senso: “radiokaka“. Taylor colse al volo il suggerimento inconsapevole del bambino. Aveva trovato il titolo per una nuova canzone! “RadioGaGa“. Ritornò in sala d’incisione e ne parlò con gli altri membri del gruppo. Furono tutti d’accordo e nacque così, dopo 2 giorni, il pezzo più importante scritto da Taylor. Il videoclip della canzone, girato dal regista David Mallet che utilizzò, per la sua realizzazione, spezzoni del capolavoro di Fritz Lang “Metropolis”, film muto del 1927, ottenne un successo travolgente. Anche se la sua vita è stata breve e lui non ha avuto il tempo di realizzare tutti i sui sogni e i suoi progetti, Freddie Mercury ha lasciato nel panorama musicale internazionale un’impronta indelebile che si rinnova, ogni volta, nei nostri cuori, all’ascolto della sua magica, potente e straordinaria voce, sempreverde ed emozionante.

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2