Salerno/Mercato San Severino. Peculato e abuso d'ufficio: docente universitario e dirigente medico dell'Azienda ospedaliera Ruggi ai domiciliari

28 Aprile 2020 Author :  

Questa mattina i carabinieri del Nas di Salerno hanno eseguito due misure cautelari nei confronti di un professore ordinario della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università di Salerno e dirigente medico dell'Azienda ospedaliera "San Giovanni di Dio e Ruggi d'Aragona" di Salerno, in servizio all'ospedale Fucito di Mercato San Severino, e di una coordinatrice infermieristica e dipendente della stessa Azienda ospedaliera. Le accuse per i due, che ora sono ai domiciliari, sono di peculato, falso e abuso d'ufficio in concorso. Dalle indagini è emerso come il docente, ritenuto responsabile di peculato e falso "si sia ripetutamente appropriato di strumentazione di proprietà dell'Ateneo di Salerno, utilizzata per eseguire visite specialistiche in regime privatistico e attività professionale intramuraria". Inoltre, è accusato anche di abuso di ufficio, poiché "avrebbe programmato le visite dei suoi pazienti mediante contatto diretto, evitando così loro di effettuare le prenotazioni presso il Cup, e riscuotendo compensi senza versare all'Ente di appartenenza la quota spettante. La coordinatrice infermieristica, invece, è accusata di abuso di ufficio in concorso con il dirigente medico, in quanto, essendo autorizzata a gestire l'accesso per le prenotazioni dei pazienti da sottoporre a visita o ad intervento chirurgico, "stravolgeva la lista d'attesa, favorendo amici e altri pazienti" consentendo così di anticipare le visite.

Focus su 40 cartelle cliniche

Sono oltre 40 le cartelle cliniche di pazienti al vaglio degli inquirenti della procura di Nocera Inferiore nell'ambito dell'inchiesta che ha portato, stamane, all'esecuzione di due misure cautelari ai domiciliari per un professore ordinario di Medicina e Chirurgia dell'Universita' di Salerno, nonche' dirigente medico dell'azienda ospedaliera San Giovanni di Dio e Ruggi d'Aragona di Salerno in servizio al presidio ospedaliero Fucito di Mercato San Severino, e di una coordinatrice infermieristica dipendente dell'azienda ospedaliera salernitana. L'indagine, condotta dal pm Anna Chiara Fasano e affidata ai carabinieri del Nas, e' stata avviata dopo una ispezione dei militari specializzati dell'Arma all'ospedale Fucito ed e' proseguita con il supporto di attivita' tecniche. Entrambi i professionisti hanno ottenuto dal gip il beneficio dei domiciliari, lui a Napoli e lei a Castel San Giorgio (Salerno). A tutti e due la procura contesta i reati di peculato, falso e abuso d'ufficio in concorso. Secondo i pm, i pazienti, tramite la donna, avrebbero ottenuto gli appuntamenti con il medico e la successiva fissazione degli interventi chirurgici scavalcando le liste d'attesa. L'ordinanza di misura cautelare e' stata notificata anche al commissario straordinario dell'azienda ospedaliera di Salerno e al rettore dell'Universita' di Salerno.

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2