Scafati. Helios tra titolare indagato e sigilli, i politici: "La vittoria dei cittadini"

17 Ottobre 2016 Author :  

Sequestro e commissariamento della società dell'area Pip, Helios: indagatoil responsabile, F.D. Dopo il blitz del Noe di stamattina, ecco le reazioni politiche sul caso.

SCAFATI IN MOVIMENTO – MEET UP BEPPE GRILLO - “Complimenti alla magistratura, la cattiva politica stava svendendo Scafati alle lobby dei rifiuti. Ma ora non bisogna fermarsi e abbassare la guardia. Attendiamo ora le risposte della Regione dalla prossima conferenza dei servizi. Presseremo a livello di ogni istituzione affinchè la Helios o lavori bene o se ne vada. Il PIP è in pericolo e va salvaguardato come la salute".


MARGHERITA RINALDI, PD E GD - Apprendiamo dalla stampa del sequestro della HELIOS, società di trattamento dei rifiuti, situata nell'Area PIP del nostro Comune. Un'altra sconfitta, un'altra offesa ed un un'altra mortificazione per la Città, ma soprattutto per la nostra salute e la salute dei residenti nella zona piu' vicina al sito industriale. Lo avevamo detto nel Consiglio comunale del 12 ottobre scorso che si doveva intervenire per garantire il rispetto della legge e della normativa vigente in materia di rifiuti, ma il primo cittadino ha preferito, come al solito, distrarre l'attenzione per evitare di trattare compiutamente l'argomento. I cittadini presenti nell'assise, che hanno legittimamente denunciato il tutto alle competenti Autorità, ora si spiegano il perchè chi doveva intervenire, in qualità di massima Autorità Sanitaria, e cioè il Sindaco, non e' mai intervenuto sulla vicenda. Semplice, era il medico della HELIOS e, invece di tutelare la salute di tutti ha preferito scaricare la colpa su altri, come se la problematica non lo riguardasse. Noi abbiamo avuto il coraggio di denunciare pubblicamente e politicamente la " stranezza " di una discarica a cielo aperto nel PIP di Scafati, ora il provvedimento di sequestro coferma le nostre preoccupazioni. Come dire: I nostri dubbi hanno sempre ragione.


MICHELE GRIMALDI, PD - Nel mentre il Sindaco di Scafati si diverte a giocare con PAINT e a pubblicare deliranti post su "Church Norris" e Cupido, stamattina la Procura di Nocera Inferiore ha disposto il sequestro preventivo della "Helios", ed ha inviato due propri ispettori presso quel sito di stoccaggio. Hanno il compito di verificare l'attività della ditta e se le autorizzazioni sono in regola.
Avrebbe potuto e dovuto farlo la politica, ma il Sindaco di Scafati, che della "Helios" è il medico, in questi mesi ha cincischiato, negato, confuso acque già torbide. Rifiutandosi, con costanza, di esercitare ciò che era in suo potere, in qualità di massima autorità sanitaria cittadina: sospendere le attività di quel sito finché ASL, ARPAC e altri organismi competenti avessero rassicurato residenti e cittadini tutti, innanzitutto sulla loro sicurezza e l'assenza di pericoli per la salute.
Ma il Sindaco ha scelto di non farlo: perché?

PASQUALE VITIELLO - L'attività ispettiva ,svolta a seguito delle denunce ed esposti a vario titolo prodotti, ha portato ad evidenziare nella sola giornata di oggi una serie di irregolarità rispetto al ciclo produttivo autorizzato e previsto che si realizzasse in loco. Avevano ragione i cittadini a lamentarsi della insostenibile situazione ambientale che erano costretti a subire se in un solo sopralluogo si è arrivati a verificare le innumerevoli violazioni alle norme tanto da portare alla denuncia del rappresentante legale , al sequestro preventivo dell'azienda ed a sostituire lo stesso con due commissari . Resta il dubbio più profondo , se la società pur rispettando le prescrizioni fatte dai vari organi competenti (Asl regione ecc. ),dunque operando nei parametri prestabiliti dalle autorizzazioni rilasciate, sia ubicata in un corretto contesto urbanistico. Il Pip di Scafati non é isolato dal contesto urbano e di questo non si può non tener conto.

MARIO SANTOCCHIO, FDI - In merito alla notizia del sequestro del sito di stoccaggio della Helios sono pronto a collaborare con i commissari anche alla luce di ciò che prevedono le norme di attuazione del Pip che da sempre vietano attività insalubri nella zona. Giovedì ci sarà la prima commissione d'inchiesta (di cui è presidente, leggi qui): dispiace vedere componenti che già patteggiano per la società Helios: costoro dovrebbero dimettersi dalla commissione perché in conflitto di interessi. Veramente è strano che il Consigliere della zona funziona da megafono per i comunicati della Helios. Resto dell'idea che quella società non poteva avere i pareri positivi del Comune alla luce della disciplina della nostra zona industriale considerato anche la vicinanza al centro abitato. Su questa storia andiamo fino in fondo la Città con i cittadini prima di tutto.

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2