Salerno/Irno. Fonderie Pisano, Forte (Comitato Salute e vita): "Ricorso per la chiusura, qui non si respira"

21 Aprile 2018 Author :  

Fare ricorso al Consiglio di Stato per l’ordinanza di sospensione emessa dal Tar. E’ questa, in sintesi, la richiesta che il presidente del comitato e associazione Salute e Vita, Lorenzo Forte ha avanzato al governatore della Regione Campania,Vincenzo De Luca. “Esprimiamo la nostra soddisfazione per la chiara e ferma presa di posizione da Lei assunta in merito alla vicenda delle Fonderie Pisano. Con i recenti decreti adottati dalle Uod competenti della Regione Campania, è stata revocata l’Aia (autorizzazione integrata ambientale) ed è stata respinta la istanza VIA-VI presentate dall’Azienda relativamente al progetto di revamping dello stabilimento di Fratte. Con i decreti sopra indicati è stata data esecuzione ai principi comunitari di prevenzione e di precauzione, tenuto conto anche dei primi risultati dello studio Spes che già nelle premesse presenta un quadro allarmante sia relativamente all’inquinamento del suolo e sia relativamente alla salute delle persone (con la presenza di metalli superiori alla media “potenzialmente tossici” e provenienti dalla Fonderie Pisano)”, ha scritto Forte nella missiva indirizzata a Palazzo Santa Lucia, spiegando che i decreti hanno fatto propria la recente sentenza della Corte Costituzionale che, esprimendosi in merito al decreto Ilva del 2015, ha stabilito l’incostituzionalità dello stesso e che il diritto costituzionale alla salute è prevalente su ogni altro diritto di rango costituzionale (lavoro e libertà d’impresa) . Va ricordato che il Tar Campania-Salerno, nell’accogliere l’istanza delle “Fonderie Pisano”, con propria ordinanza, ha sospeso i provvedimenti di revoca Aia e di archiviazione del procedimento VIA-VI con la conseguenza che lo stabilimento ha ripreso la propria attività.

Il disagio dei cittadini

“Puntualmente, con la riapertura dell’impianto, sono ricominciate le emissioni acri, soffocanti e nauseabonde che hanno invaso nuovamente i comuni di Salerno, Pellezzano e Baronissi, così come testimoniato dalle numerose segnalazioni pervenute alle autorità giudiziarie. Inoltre si è verificato il solito accumulo delle polveri nere metalliche come dimostrato dalle riprese effettuate anche in mattinata. L’attività della Pisano è ripresa quindi con le stesse modalità di sempre, in totale spregio delle norme ambientali”, ha scritto ancora il presidente del comitato, aggiungendo che i dirigenti regionali estensori dei decreti hanno ribadito la loro convinzione della legittimità degli atti adottati. I risultati preliminari dello studio Spes, sostiene Forte, sono allarmanti: la prima relazione ha messo infatti in evidenza la presenza di dieci metalli potenzialmente tossici in una frazione rilevante del campione umano analizzato, nonché nel suolo circostante la Fonderia e nel fiume Irno, provando una evidente correlazione tra la salute dei residenti della zona e l’attività inquinante dell’impianto e dimostrando ancora una volta che le tre matrici (aria, suolo e acqua) sono tutte interessate dalla illecita condotta della proprietà Pisano che per anni ha operato in totale spregio delle norme ambientali e delle stesse autorizzazioni rilasciate. Da qui la richiesta di sostenere gli atti adottati dalla Regione Campania a salvaguardia della salute pubblica proponendo ricorso al Consiglio di Stato avverso l’ordinanza di sospensione emessa dal Tar Campania-Salerno, così come già fatto dal Comitato e dall’Associazione “Salute e Vita”; di accelerare, nei limiti del possibile, la conclusione dello studio Spes contingentando i tempi e di vigilare sull’operato della proprietà Pisano e di compulsare l’Arpac, quale ente operativo della Regione, affinché esegua tempestivamente i controlli previsti per legge dopo la riapertura dell’impianto e la diffida già effettuata dalla Regione Campania.

AdMedia

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2