×

Attenzione

JFolder: :files: Il percorso non è una cartella. Percorso: /var/www/puntoagronews.it/www/images/MISTICA

×

Notice

There was a problem rendering your image gallery. Please make sure that the folder you are using in the Simple Image Gallery Pro plugin tags exists and contains valid image files. The plugin could not locate the folder: images/MISTICA

Origo Albarella

Anna Robustelli Sindaco

IMG 20190515 WA0006

La festa della Madonna delle Galline e la "Mistica"

31 Marzo 2017 Author :  

di Gerardo Sinatore

Ogni anno, alle ore 22,00 del venerdì d’Albis, giorno dell’Apertura della secolare Festa della Madonna del Carmelo de’ Pagani detta delle Galline - che avviene alle ore 18,00 tra lo stormire delle campane, dei canti a’ Figliola, del ritmo di tammorre[1], delle castagnette[2], degli applausi mentre due dozzine di colombe bianche appositamente liberate sorvoleranno il cielo primaverile - presso il Santuario a Lei dedicato, si svolge tradizionalmente MISTICA: una rassegna istituita da Gerardo Sinatore di Canti Sacri Popolari, unica nel suo genere per l’utilizzo di strumenti tipici tradizionali[3] ma, soprattutto per i canti eseguiti per lo più nella lingua locale (dialetto paganese/napoletano) dal cantore pellegrino Vincenzo Romano, direttore artistico della rassegna nonché noto interprete[4] della musica delle tradizioni ed autore, e poi da Laura Paolillo[5].

Quest’anno, MISTICA sarà dedicata alla Donna, infatti il sottotitolo sarà Ma…Donna.  Oltre al cantore Vincenzo Romano e al soprano Laura Paolillo, prenderanno parte sette ragazze (Ancillae Domini) che, munite di fiaccole per simboleggiare la Luce Divina della Vergine, canteranno in corteo sempre all’interno del Santuario. I brani che saranno effettuati sono: Magnificat (in aramaico)[6], Mammeddio[7], Flos Carmeli[8], Ave Mater Sanctissima[9], Curri curri[10], Inno[11], Sonos Mundi[12], Preghiera ohì Ma’[13], Ave Maria[14] e (forse) Hallelujah[15]. Alla fine della rassegna, il pubblico di devoti, sempre tracimante, inneggerà in coro Madonna de’ li Grazie[16], la stessa canzone che i Tammorrari elevano alla Vergine all’alba del lunedì (24 aprile 2017) dopo aver recitato la Preghiera del Tammorraro[17] uscendo a marcia indietro dal Santuario al fine di tenere fermo lo sguardo fisso verso la Vergine. Le tammorre vengono depositate ai piedi della statua lignea a significare la fine delle ritualità di pietà popolare.

 


[1] Tamburi a cornice

[2] Nacchere

[3] (G. Sinatore - V. Romano);

[4] Ha pubblicato gli album “Mammeddio, canti e ritmi di primavere”, 2010; Uhanema!, 2016;  e il singolo Curri, curri Mamma mia, di Sant’Alfonso Maria de’ Liguori, scritta a Pagani, in vernacolo, nel 1775 e musicata da G. Sinatore e V. Romano il quale, ad oggi, ne è l’unico interprete al mondo.

[5] Soprano, diplomata al Conservatorio di Santa Cecilia e Musicologa, Università di Bologna

[6] (Maria di Betlemme? - V. Romano/G. Sinatore);

[7] (G. Sinatore - V. Romano): MAMMEDDIO!: Figliò, Nenné, Mammeddio, ca’ nce sto’ io… Priannete, leggiero me voto, me pare ch’abballa pe’ n’autra ma ‘o ‘ssai, abballo pe’ te, canto ‘nsuonno a quanno so’  nato . Figliò, Nenné, Mammeddio, ca’ nce sto’ io...  io canto nu canto priato nun canto pe n’ata, canto pe’ te sta’ bella figliola se fa ‘na vutata

me magna cu l’uocchie l‘ammore ‘ncè nato. Figliò, Nenné, Mammeddio, ca’ nce sto’ io… Mamma de’ mamma, mamma biata, da gente da chiana, de’ cimme annevate, pigliato ‘o core, ‘stu ballo d’ammore, stu cante addevoto, stu’ sang’ galiota.

Figliò, Nenné, Mammeddio, ca’ nce sto’ io … Dacce stu bene puortaci a sciorta, nun ‘nce lassà manco ca’ morta…

[8] (G. Sinatore - V. Romano): FLOS CARMELI: Sciore ‘e ciardino, uva ammaturata Tu sulamente, si Vergine e Madre. Mamma doce, e bona ‘e core porta sullievi ‘a sti’ figliarielli tuoi stella do’ mare, mare de’ stelle. Mamma e Signora do Carmelo Tuoio, facci sazià do’ bene che ‘nce vuoi comme tute sazia ‘e chillo core Tuoio. (Tu) Si ‘a porta do Paraviso, chiammace a Te,  llà ‘ncoppo, addò comma a cchiù lucente stella che brilla ogni matina si sola Tu ‘a Regina.  Sciore ‘e ciardino, uva ammaturata Tu sulamente, si ‘ncurunata.

[9] (G. Sinatore - V. Romano);

[10] (Alfonso M. de’ Liguori - G. Sinatore/V. Romano); CURRI CURRI: Curri, curri, Mamma mia, curri priesto e nun tardà! Ca lu serpe arrasso sia! già me vole muzzecà. Manco l’aggio visto tutto, e me fa’ cossì tremmà: Mamma, Mamma, comm’è brutto! Comme corre ‘nsanetà! Io nun pozz’ e benco meno e nun saccio cumme fa’: mo’ me jetta lu beleno: Mamma mia, fa priesto, fa. Cu li strilli e cu li chiante nun se vo proprio arrassà; songo stanco e chiammà sante, nun ce sente e nun se sta. O che vocca, che have aperta! Marò me! Me vo’ gnuttì, S’è auzato allerta allerta: o Marì, fannello ire. Vidi, vi’ lu nomme tujo già l’ha fatto e spaventà; ma pe’ cchiù turmento suoio, Mamma, tu vienence ccà. Comme fuie! Che d’è stato? Chi lo fa scapezzà? Serpe brutto e arraggiato, nun ce puozzi cchiù accustà!

[11] (V. Romano-V. Romano);

[12] (G. Sinatore/V. Romano – V. Romano);

[13] (L. Paolillo - L. Paolillo);

[14] (W. Scott - F. Schubert);

[15] (L. Cohen)

[16] (Anonimo - NCCP),

[17] “Noi non siamo niente non siamo nessuno però crediamo in Te, beatissima Vergine del Carmelo detta delle Galline, siamo dei semplici musicisti conosciuti come tammorrari…”

{gallery}MISTICA{/gallery}

AdMedia

IMG 20190515 WA0007

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2