×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 88

San Valentino Torio e la sua storia

10 Novembre 2014 Author :  

SAN VALENTINO TORIO

La nascita del nome attuale, San Valentino Torio, risale al 26 novembre 1862, quando, essendosi posto il problema di distinguere San Valentino da altri comuni del nuovo Regno d'Italia, caratterizzati dalla stessa denominazione, il Consiglio Comunale deliberò di aggiungere la specificazione Torio al nome antico, cosa che fu poi ratificata con Decreto di Vittorio Emanuele II del 22.1.1863.

Popolazione: 10.795 abitanti

Superficie: 9,16 km²

Densità:  1.178,94 ab./km²

Abitanti: sanvalentinesi o valentinari

Santo Patrono:  San Valentino - 14 febbraio

 

LA STORIA 

Durante la cosiddetta Età del Ferro, un periodo di tempo compreso tra il IX ed il VI secolo a.C., la Valle del Sarno si popolò di una serie di villaggi, in cui vissero i Sarrasti, una popolazione di stirpe pelasgica, proveniente dal Peloponneso, che i colonizzatori greci di Ischia (Pithecusa) chiamarono Opici, cioè "agricoltori". Questo popolo ha lasciato, a testimonianza della sua presenza nella valle, diverse necropoli nei territori di S.Marzano, S.Valentino, Pagani, Poggiomarino e Striano, costituite da non meno di 1.400 sepolture, dette tombe a fossa. La nascita di Nuceria, Pompei e Stabia, avvenuta nella seconda metà del VI secolo a.C., esercitò un'attrazione così forte sugli abitanti della Valle che i preesistenti villaggi si spopolarono. Nel secolo successivo, i Sarrasti vissero prima sotto l'influenza degli etruschi e poi sotto quella dei greci. A partire dal 421 a.C., la valle fu invasa da una nuova popolazione, proveniente dalle zone interne della Campania e dell'Abruzzo: i Sanniti, i quali si fusero coi Sarrasti, conservandone l'identità etnica e culturale, come sembra testimoniato dal fatto che su alcune monete dell'epoca compariva, in osco, la scritta sannitica Nuvkrinum Alfaternum e su altre il nome dei Sarrasti. Dal 307 a.C., Nuceria scelse di allearsi coi Romani, di cui divenne alleata fedele e, con la definitiva sconfitta dei Sanniti, nel 290 a.C., tutta la valle passò sotto l'influenza dei nuovi dominatori dell'Italia. Con le invasioni barbariche e la distruzione di Nocera ad opera dei longobardi, nel 603 d.C., la popolazione si sparse per la Valle, dando vita ad una serie di villaggi, che, successivamente, portarono alla nascita delle attuali cittadine, fra cui San Valentino. Il primo documento scritto, che rechi il toponimo Balentino, che ha poi dato origine al nome moderno del paese, risale all'anno 868 e fa parte del Codex Diplomaticus Cavensis, una raccolta di oltre 15.000 pergamene di epoca longobarda conservate nell'Abbazia benedettina di Cava de' Tirreni. Mentre il più antico documento, che attesti l'esistenza di una entitità amministrativa e territoriale riconducibile all'attuale comune, è un atto pubblico, denominato Instrumentum pro Universitate castri Valentini e, cioè, Atto in favore dell'Università del Castello di Valentino, redatto dal notaio paganese Virgilio Tortora in data 23 marzo 1553. Il primo Sindaco di cui si ha notizia, ma solo perché mancano atti notarili di epoca più antica, è Francesco Martorelli, che ricoprì la carica tra l'1.9.1599 ed il 31.8.1600. La prima notizia circa l'utilizzo del toponimo San Valentino, per indicare il villaggio, è del 1681 e la si deve al notaio Gio.Battista Viscardi. La nascita del Comune di San Valentino va datata al 18 ottobre 1806, quando il Re di Napoli, Giuseppe Bonaparte, con la legge n. 211, abolì gli Antichi Regimenti Municipali. Fu così che, a partire, convenzionalmente, dall'1.1.1809 (data di istituzione anche dello Stato Civile), le Università si trasformarono in Comuni, assumendo l'assetto amministrativo e territoriale, che, grosso modo, hanno conservato fino ad oggi.

 

MONUMENTI

Chiesa della Consolazione

Ristrutturata recentemente, al suo interno si possono ammirare degli splendidi affreschi e la statua della Madonna della Consolazione, risalente al XVIII secolo. All'esterno il campanile conserva lo stile originario della chiesa.

Chiesa di S.Giacomo Apostolo

Secondo il notaio Francesco Antonio Viscardi, la Chiesa antica di S.Giacomo ebbe il suo principio circa il 1511. Essa fu realizzata lontano dall'abitato di S.Valentino, in una zona detta Starza di S.Giacomo e fu concepita a tre navate, disposte nel senso est-ovest, con tre ingressi che guardavano verso il paese e, cioè, verso occidente.
L'estremità orientale della navata centrale era occupata dall'altare maggiore, dedicato a S.Giacomo Apostolo, sul quale troneggiava un polittico, composto da un numero imprecisato di tavole.

Stando alla descrizione settecentesca, l'immagine centrale, allora come oggi, era quello dellaMadonna delle Grazie, con un bambino in braccio e circondata da puttini, che sovrasta un gruppo di anime del Purgatorio, pronte ad essere liberate dal fuoco da un gruppo di angeli. Sulla destra di questa tavola ve ne era una seconda con le figure di S.Giacomo e S.Giovanni Battista e, sulla sinistra, una terza con le immagini di S.Michele Arcangelo e S.Sebastiano.

A queste immagini, nel settecento, se ne aggiungevano altre, raffiguranti un Angelo in atto diannunziare alla Vergine, una Santissima Trinità, un Cristo in atto di salire al cielo e un Cristo risorgente. Una scritta sul quadro ci dice l'opera fu ultimata il 24 luglio 1511 e che il suo autore fu Andrea Sabatini, detto Andrea da Salerno.

Un atto del notaio Francesco Pacello ci informa che, il 12 aprile 1758, il Governo dell'Università e del Popolo di S.Valentino, col beneplacito del Duca, don Ferdinando Capece Minutolo, e del Vescovo di Sarno, mons. Francesco de Novellis, decise di erigere una nuova Chiesa parrocchiale nella piazza del paese, demolendo la piccola Chiesa di S.Sebastiano ed occupando il terreno messo a disposizione dal Duca ed un orticello che l'Università avrebbe provveduto ad acquistare dai fratelli Carlo ed Angelo Frigenti. Nel 1934, San Valentino fu proclamato Patrono del Comunead opera di Monsignor Pasquale dell'Isola, Vescovo di Sarno e Cava dei Tirreni.

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2