×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 730

Scafati, chiosco abusivo allo stadio: la denuncia dei "corvi" | La lettera

19 Aprile 2016 Author :  


Chioschi "abusivi" allo stadio comunale di Scafati, scatta la denuncia all'Antimafia.
Da circa sei mesi al Comune di Scafati continuano ad arrivare una serie di lettere anonime che segnalano vari abusi perpetrati sia nel campo edilizio che nelle pratiche amministrative. Con le segnalazioni aumenta la mole di lavoro della Direzione Distrettuale Antimafia e della Commissione di Accesso. Questa volta ad essere presi di mira sono le gestione e le autorizzazioni di alcuni chioschi all'interno dello stadio e non solo, la missiva è stata ricevuta al protocollo comunale in data 30/3/2016. Tutte le denunce recapitate al Comune, hanno la caratteristica di essere indirizzate oltre che al primo cittadino e ad altri organi di controllo, anche al procuratore della Direzione Distrettuale Antimafia Vincenzo Montemurro titolare dell'indagine in cui sono indagati per vari e gravi reati il sindaco Pasquale Aliberti, la moglie consigliere regionale Monica Paolino, il fratello del primo cittadino Nello, la segretaria comunale Immacolata Di Saia e lo staffista Giovanni Cozzolino. "Egregio signor Sindaco quelli che vi scrivono è un comitato di persone amanti dello sport e no della camorra..." inizia così il testo della missiva che denuncia la presenza all'interno dello stadio comunale di due piccoli bar che secondo i denuncianti non avrebbero le dovute autorizzazioni oltre che ad essere esonerati dal pagare "...luce, acqua e spazzatura...mentre fuori al campo a 25 metri vi è un bar che paga le tasse...". La minuziosa e dettagliata denuncia inviata anche alla Direzione Investigativa Antimafia indica anche chi siano i gestori delle due strutture che somministrano alimenti e bevande sembra in barba alle norme a cui sono sottoposti tutti i comuni cittadini :"...uno è gestito da un ex dipendente comunale, l'altro da un noto pregiudicato affiliato a Ridosso-Loreto...Tutto questo con il silenzio assenso di lei signor sindaco..." La missiva continua con un quesito "godono dei favoritismi in cambio di campagne elettorali del sindaco e della sua consorte?" chiede il denunciante che conclude tirando in ballo anche l'assessore allo sport, Diego Chirico, che sarebbe stato informato della situazione " facciamo presente che un socio della nostra associazione ha chiesto più volte spiegazione al sig. Diego Chirico...". Di certo una situazione, quella denunciata, di cui se fosse appurata la veridicità metterebbe in serie difficoltà l'amministrazione comunale, sembra infatti che ancora fino a domenica scorsa almeno uno dei due bar fosse perfettamente funzionante il tutto sotto gli occhi della polizia municipale e dei carabinieri. Dopo l'arrivo della denuncia l'amministrazione si sarebbe subito attivata per i dovuti controlli, sarebbe a questo punto interessante che si facesse luce anche sulle autorizzazioni dei bar presenti nell'altra struttura sportiva presente a Scafati, il Palamangano, perché sembra che in città stiano proliferando i punti vendita "comunali" all'interno delle strutture pubbliche, un altro caso sembra sia quello all'interno della palestra della scuola media di via Della Resistenza. Aumenta dunque il lavoro dell'antimafia chiamata a verificare le tante segnalazioni che giungono dalla città di Scafati.

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2