Fisciano. Perse la vita a 14 anni raccogliendo ciliege: rischia il processo 47enne stabiese

03 Marzo 2017 Author :  
CASTELLAMMARE/FISCIANO. Aveva perso la vita, il ragazzino di 14 anni Ettore Abbagnale che mentre raccoglieva ciliege, rimase folgorato. Ora, rischia il processo per una distrazione fatale: per lo stabiese G. E., 47 anni, c’è la richiesta di rinvio a giudizio con l’accusa di omicidio colposo. L’uomo si trovava nell’appezzamento del padre del ragazzino durante la raccolta delle ciliegie, lo scorso 10 giugno, quando avvenne l’incidente mortale. Secondo le ricostruzioni, l’indagato poggiò una scala di metallo dell’altezza di otto metri per poter salire sull’albero e raccogliere le ciliegie, aiutato dal ragazzino. I due erano alle prese con l’attrezzo, preso dai due lati, quando la scala venne a contatto con i fili dell’alta tensione. Il ragazzino morì sul colpo, folgorato dalla scarica elettrica dei tralicci perché privo delle scarpe di gomma antinfortunistiche che invece indossava il quarantasettenne. Ettore Abbagnale morì mentre si trovava nel terreno di proprietà della famiglia in località Macchione, in via Pozzillo a Fisciano. Il quattordicenne si trovava nei campi con i genitori per la raccolta della frutta che veniva poi rivenduta tramite un’associazione di volontariato con il ricavato destinato in Perù alle famiglie bisognose del Machu Picchu.

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2