Namastè. Comunicare è sopravvivere

08 Giugno 2019 Author :  

Facendo zapping tra i vari canali televisivi un po' annoiata ho lasciato la Tv accesa su un documentario che parlava di api. Non sono un’appassionata di insetti, tuttavia ho lasciato il televisore acceso su quel canale. Ho scoperto una cosa particolarissima, le api comunicano, certo mi direte che bella scoperta! Tutti sanno che le api comunicano, si però forse non tutti sanno che fanno delle “riunioni di condominio”! Ebbene si! Quando le api esploratrici vanno in avanscoperta per trovare i fiori ricchi di nettare per nutrire l’alveare, o se hanno necessità di cambiare luogo per il loro alveare, partono insieme poi, giustamente, si sparpagliano per coprire più territorio e infine ritornano nell’alveare. A questo punto arriva il bello, ognuna di loro porta le sue informazioni. Tali informazioni vengono messe a confronto e infine si decide qual è il luogo migliore per fare ciò che è necessario! Avreste dovuto vedere la mia faccia a tale scoperta. Ho subito pensato alla semplice complessità della natura. Noi esseri umani, in cima alla catena alimentare, dotati di intelletto, creatività, coscienza e chi più né ha più nè metta, non siamo in grado di metterci d’accordo su nulla! Ho fatto una domanda a me stessa: “perché è tanto difficile comunicare!?” Che cosa blocca il processo per cui potremmo essere felici e sereni sempre? Vi faccio qualche esempio, ma in piccolo della nostra quotidianità. Abbiamo un marito, allora non gli diciamo semplicemente le cose che non ci vanno giù, ma pretendiamo che ci capisca al volo, magari leggendoci nella mente. Abbiamo una moglie pretendiamo che a prescindere da tutto percepisca il nostro malessere, la nostra stanchezza e non ci dia noie. Insomma siamo così proiettati su noi stessi….. aspetta un po'…. Magari è questo? Ebbene sì carissimi ed evolutissimi omo sapiens! Mi sa che il problema è proprio questo. Nella nostra quotidianità siamo così tanto concentrati su noi stessi, sui nostri bisogni, che addirittura ci pieghiamo e ripieghiamo su noi stessi arrivando ad annodarci tanto, ma così tanto da ritrovarci, senza accorgercene a guardare il nostro fondoschiena invece di guardare avanti.si perché se riuscissimo a guardare avanti ci accorgeremmo che parlare con una persona che ci ha fatto arrabbiare, non significa essere un debole! Esprimere ciò che si prova è sinonimo di forza e conoscenza. Riconoscere in sé stessi uno stato emotivo che non ci fa stare bene è un importante traguardo. Riuscire a esternarlo sarebbe il top. Tendiamo a nascondere così tanto noi stessi, i veri noi stressi, dietro un’emoticon che finiamo per non conoscere e riconoscere quanto ci accade dentro. Questo porta a un problema importante, la qualità delle nostre relazioni è minata da tale comportamento. Non capiamo noi stessi, ma spesso pretendiamo che siano gli altri a capirci, una madre, una moglie, un marito ecc… la semplice comunicazione è anche questo, esprimere noi stessi attraverso un canale che sia universalmente riconosciuto. Alla fin fine parliamo.. Dire ciò che si vuole, dire ciò che si pensa, mettere le proprie carte in tavola. Questo aiuterà, noi a vivere serenamente e le nostre relazioni ad essere reali e, sincere, ma soprattutto costruttive. Guardate le api. I loro problemi sono iniziati a causa dei pesticidi, ma se non fosse per questo potrebbero sopravvivere fino alla fine del mondo. Se noi omo sapiens non invertiamo la marcia no so !? voi che dite?

 

Dott.ssa Maria Rita Ciancia

Psicologa Clinica e di Comunità

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

AdMedia

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2