Pausa pranzo in ufficio: i consigli della nutrizionista

22 Gennaio 2020 Author :  

di Maria Rosaria Lanzieri*

Lavori in ufficio e la pausa pranzo è davvero difficile da gestire? Non sai come organizzarti, come preparare un pranzo pratico ma, allo stesso tempo bilanciato? Sei stufo di ripiegare su panini, tramezzini o la solita tavola calda con i suoi piatti super conditi ed elaborati?
Se tutti questi dubbi attanagliano la tua mente e vuoi porre rimedio, sei nel posto giusto!

Ecco per te alcuni consigli per gestire il pranzo fuori casa:

1) Innanzitutto, la pausa pranzo dovrebbe essere un momento di riposo, un piccolo spazio temporale per riprendersi dalla mattinata di lavoro, per rifocillarsi e poter affrontare la seconda parte della giornata. Detto ciò, quando arriva la pausa pranzo: spegni il computer e anche i pensieri, stacca per un attimo dagli impegni lavorativi. Uno studio dell’Università di Bristol, pubblicato sulla rivista American Society for Nutrition, ha osservato che chi pranza davanti al computer si sente sistematicamente meno sazio dei colleghi che consumano il proprio pranzo lontano dalla scrivania. Altri effetti negativi di una pausa pranzo inadeguata, che si ripercuotono sulla salute, sono da imputare a: tensione nervosa, mal di testa, calo della vista, pancia gonfia.

2) Un secondo punto molto importante è l’organizzazione: cucina cose pratiche, comode da trasportare. Buone sia fredde che riscaldate. Se cucinare al mattino è per te un’impresa ardua una soluzione potrebbe essere preparare qualcosa in più la sera prima a cena e portarlo poi il giorno dopo in ufficio.

3) Cerca di fare sempre un pasto completo, in che modo? Optando magari per un piatto unico in cui siano presenti tutti i macronutrienti (carboidrati, proteine e grassi) e micronutrienti (vitamine e sali minerali) a breve ti darò qualche spunto!

4) Riempi la dispensa con cereali tipo orzo, farro, quinoa, riso riducendo i cereali raffinati “bianchi” come il pane e la pasta e tutti i cibi con un elevato indice glicemico. Non farti mai mancare legumi, frutta secca, semi e verdure. Ricorda la metà del tuo piatto deve essere composto da verdura. Come fonte proteica prediligi il pesce, carne bianca, uova. Il tutto può essere riposto in un praticissimo lunch box, cioè un portavivande con diversi scompartimenti in cui n cui poter sistemare cibi differenti senza che si mescolino, alcuni inoltre possono essere anche termici.

5) Qualche idea per il tuo pranzo in ufficio: insalata di farro oppure pasta, riso, quinoa ecc. con verdure e una fonte proteica come tonno, uova, straccetti di pollo ecc. Insalata di merluzzo con verdure di stagione e un po’ di pane o ancora una frittatina con verdure più qualche patata lessa... insomma le soluzioni e le alternative possono essere davvero tante!

6) Come ultimo consiglio ma, non per questo meno importante. Se è possibile dopo aver mangiato sgranchisci un po’ le gambe, fai una passeggiata (se all’aria aperta ancora meglio) Questo ti rilasserà e migliorerà la digestione.

Dott.ssa Maria Rosaria Lanzieri- Biologa Nutrizionista
Riceve su appuntamento a Sarno (SA)- San Valentino Torio (SA)
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2